Eventi

pubblicato il 17 gennaio 2009

Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo

Streetfighter e 1198 scatenano le fantasie degli appassionati

Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 1
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 2
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 3
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 4
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 5
  • Ducati al 1° Verona Motor Bike Expo - anteprima 6

Reduci dal Wroom 2009, gli uomini Ducati si sono spostati da Madonna di Campiglio alle rive dell'Adige per mostrare al grande pubblico della manifestazione veronese le novità del 2009.

Tra tutte, ovviamente, spicca la presenza della Ducati Streetfighter, che ha focalizzato tutto l'interesse di media e visitatori già in occasione del Salone EICMA di Milano. Derivata, si fa per dire, dalla 1098, la nuova Stretfighter ha in comune alcune impostazioni stilistiche (codone in particolare) e cilindrata del propulsore, che però si differenzia per costruzione e cavalleria: il Testastretta della Streetfighter, infatti, utilizza il nuovo basamento alleggerito adottato anche su 1198, mentre per quanto riguarda i CV disponibili i tecnici Ducati hanno preferito concentrarsi sull'erogazione ai medi regimi, lasciando comunque presenti 155 dei 160 CV "originali".

L'altra novità targata Ducati 2009 è certamente la 1198. Il salto di qualità rispetto alla 1098 non è tanto nell'estetica, pressochè intercambiabile tra le due, bensì nel motore: il testastretta di 1198 cc, già in dotazione alla versione R, viene adottato anche dalle versioni base ed S, seppur in versione rimaneggiata. Non sono più 180 i CV disponibili ma 170, comunque controllati (nella versione S) dal sofisticato controllo di trazione già sperimentato sulla "erre".

Di R si parla anche nel caso della 1098 R Troy Bayliss Replica, in vendita in tiratura limitata di soli 500 esemplari ad un prezzo di 38.500 euro: targhetta numerata e attestato di appartenenza firmato Bayliss sono certamente due plus interessanti per una moto che è quanto di più vicino esista oggi sul mercato ad una SBK da Mondiale.

Autore: Redazione

Tag: Eventi


Top