Novità

pubblicato il 5 gennaio 2009

Roher 1250 SC

180 CV americani per una sportiva da sogno

Roher 1250 SC
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Roher 1250 SC - anteprima 1
  • Roher 1250 SC - anteprima 2
  • Roher 1250 SC - anteprima 3
  • Roher 1250 SC - anteprima 4
  • Roher 1250 SC - anteprima 5
  • Roher 1250 SC - anteprima 6

La nuova Roehr 1250 SC è ormai pronta per la commercializzazione. L'apertura delle vendite, infatti, è stata ufficialmente data su Ebay ad un prezzo di 49.995,00 dollari americani.

Si tratta di una cifra decisamente importante, ma ampiamente giustificata dalla artigianalità e dalla particolarità tecnica del prodotto.
Fatte le debite proporzioni, per tipologia ma anche per soluzioni di stile, la Roher 1250 SC ricorda per certi versi un prodotto che tentò la fortuna pochi anni fa, la Mondial Piega: anche per la sfortunata creatura italiana il prezzo di listino non era certamente abbordabile (30.000 euro circa la prima serie) ma a differenza dell'americana le soluzioni progettuali erano relativamente più semplici.

Ad un telaio a traliccio di tubi d'acciaio, infatti, era abbinato un "banale" motore bicilindrico Honda SP1, mentre nel caso della Roher la pur semplice scelta di utilizzare un motore Harley Davidson Revolution è stata resa esotica dalla presenza del compressore volumetrico...
Il bicilindrico a V di 60°, raffreddato a liquido, doppio albero a camme in testa di 1.250 cc (alesaggio 105, corsa 72 millimetri), abbinato al classico cambio a cinque rapporti, grazie alla "news tecnica" è ora in grado di erogare 180 CV a 9.100 giri.

La struttura del telaio, che prevede piastre inferiori in alluminio ricavate dal pieno ed una parte superiore in acciaio CrMo, è stata pensata per assicurare valori di rigidità torsionale elevati, senza dimenticare un occhio di riguardo per il peso - che si mentiene entro i 196 kg - e per le quote vitali: 23.5 gradi di inclinazione del canotto di sterzo, 1.422 mm di passo ed 89 mm di avancorsa dovrebbero essere garanzia di una ciclistica svelta.

Con l'obbiettivo di contenere i pesi ed assicurare una dinamica efficace in tutte le situazioni, è stata scelta una forcella Ohlins con steli da 43 mm, ed un ammortizzatore pluriregolabile della stessa marca a controllo del monobraccio posteriore. Made in Italy le ruote in alluminio forgiato Marchesini, gommate 120/70 e 190/55 (r17), e l'impianto frenante Brembo: 2 dischi da 330 mm sono morsi all'avantreno da pinze radiali a quattro pistoncini, mentre dietro lavora un disco singolo con pinza a doppio pistoncino.

Autore: Redazione

Tag: Novità , strada , 1000 , superbike , curiosità , anticipazioni


Top