dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 5 dicembre 2018

Limite di velocità in autostrada: sarà più basso?

I vincoli ambientali potrebbero far diminuire la velocità sulle grandi arterie stradali italiane

Limite di velocità in autostrada: sarà più basso?

Mentre la Lega punta ad alzare il limite da 130 a 150 km/h in autostrada sui tratti sicuri, il ministro dell'Ambiente Sergio Costa, del Movimento 5 Stelle,  punta a limiti più bassi rispetto ai canonici 130 km/h. In futuro i cartelli autostradali potrebbero recitare cifre più basse, 120 km/h o anche meno: 110, 100 e oltre.

Accelero, quindi inquino

La logica seguita da Costa è semplice: più un veicolo corre, più inquina. In certe aree, quelle più esposte alle polveri sottili, è opportuno che la velocità massima scenda, così che i mezzi sporchino meno l’aria. Di certo, niente 150 km/h, con un aumento delle emissioni di auto e moto, ma limiti di velocità più bassi degli attuali 130. Un taglio ai limiti che ridurrebbe le emissioni, per migliorare la salute dei cittadini.

La salute in primis

L’abbassamento del limite riguarderebbe non solo le autostrade, ma anche altre aree dove l’inquinamento è elevato: extraurbane, città. Limiti massimi cui i gestori delle strade saranno tenuti a conformarsi, esattamente come fanno oggi.

Nel Governo vedute divergenti

Pertanto, da una parte la Lega cerca di accontentare parte dell’elettorato con un innalzamento del limite da 130 a 150 km/h, dall’altro il Movimento 5 Stelle mira a mantenere la patente di movimento ecologista. E un ministro dell’Ambiente non può non seguire quella linea. Col vantaggio di poter dialogare col grillino Danilo Toninelli, ministro dei Trasporti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada , autovelox


Top