Special e Elaborazioni

pubblicato il 18 dicembre 2008

Come ti replico la Ducati Desmosedici RR...

Bastano una Monster S4 ed un sogno nel cassetto

Come ti replico la Ducati Desmosedici RR...
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 1
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 2
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 3
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 4
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 5
  • Ducati Desmosedici RR replica - anteprima 6

Non ha 200 CV, le sospensioni Ohlins da Gran Premio, le pinze monoblocco ricavate dal pieno Brembo e, come se non bastasse ed il suo motore non è un V4 ma un "banalissimo" vudue. Eppure, di primo acchito, la Desmosedici RR replica realizzata su base Monster S4 potrebbe effettivamente essere scambiata per l'esclusiva ammiraglia Ducati...

L'idea, se così la si può considerare, è venuta ad un appassionatissimo cliente Ducati francese, il quale con molta pazienza e gli strumenti del lavoro a disposizione è riuscito nell'intento di trasformare la sua naked in qualcosa di visivamente simile alla GP Replica di Borgo Panigale, recentemente tornata al centro dell'attenzione per la residua disponibilità di alcuni esemplari sul mercato statunitense.

La rivisitazione ha riguardato praticamente tutti i dettagli estetici e numerosi particolari tecnici della Monster S4: nuovi l'impianto di scarico, che ora sbuca dal codone, il serbatoio, la parte bassa della carenatura ed il cupolino, che ospita i gruppi ottici sdoppiati - ma non protetti da carenature di plastica trasparenti come sull'originale - oltre agli specchietti retrovisori con LED di direzione integrati, probabilmente acquistati a catalogo Ducati.

Da un punto di vista ciclistico la forcella Showa e l'impianto frenante Brembo assiale rimangono al loro posto, così come il forcellone a doppio braccio standard: elementi che in un contesto come quello di una sportiva di razza come la Desmosedici "stonano" e che potrebbero essere sostituiti con una spesa relativamente contenuta. Per mezzo dell'arte dell'arrangiarsi, che ha già portato il francese a questo risultato, è possibile trovare a "buon mercato" componentistica più moderna e corsaiola, che renderebbe ancor più interessante la trasformazione.

Vada come vada, crediamo che la volontà dell'estroso francese vada simpaticamente premiata, perchè contrariamente al claim di una nota società di carte di credito, i sogni un prezzo ce l'hanno...in particolar modo se parliamo di oggetti come Desmosedici RR. Con un po' di fantasia e tanto spirito di adattamento però...

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top