Novità

pubblicato il 9 dicembre 2008

JJ2S X4 500

Motore stellare per un Concept polacco

JJ2S X4 500
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • JJ2S X4 500 - anteprima 1
  • JJ2S X4 500 - anteprima 2
  • JJ2S X4 500 - anteprima 3
  • JJ2S X4 500 - anteprima 4
  • JJ2S X4 500 - anteprima 5
  • JJ2S X4 500 - anteprima 6

L'anima di ogni moto è certamente il motore ed il progetto JJ2S X4 500 della polacca JJS Design nel motore ha un elemento di spicco...che la differenzia da qualsiasi altro prodotto o prototipo visto negli ultimi anni: l'architettura stellare.

Diffusissima nei primi decenni del '900 tra i motori per aviazione, la disposizione "stellare" offre grandi vantaggi nella ricerca nel minimo ingombro trasversale, pur creando qualche grattacapo in tutti le altre direzioni. Come se non bastasse, per quanto concerne il posizionamento in un "sistema moto", questo schema obbliga ad unainstallazione molto rialzata ed arretrata di baricentro, creando notevoli anche nella composizione tecnica, a partire dalla forma del telaio per arrivare al disegno della sospensione posteriore.

Quattro cilindri, due tempi, 500 cc, per una potenza complessiva di 110 CV ad 8.000 giri, il motore pensato dalla JJS Design è alimentato da un sistema di iniezione elettronica, gestito nell'afflusso dell'aria da pacchi lamellari a sei petali in materiale composito e nel deflusso da valvole di scarico.

Il telaio, a traliccio di tubi d'acciaio, prevede che il motore abbia ruolo portante, fungendo anche da perno del lungo forcellone posteriore, anch'esso in tubi d'acciaio, con schema cantilever. Ammortizzatore posteriore regolabile, forcella da 43 mm ed un impianto frenante con dischi anteriori da 320 mm e pinze a sei pistoncini (disco da 240 mm dietro) completano un quadretto tecnico interessante.

Stile minimalista, organi accessori estremamente compatti e ben raccordati allo stile, fanno presagire un peso decisamente ridotto: JJS ipotizza 155 kg a secco, con un passo di 1.341 mm, 1.955 mm di lunghezza, 800 mm di altezza sella ed una inclinazione del canotto di sterzo di 23°.

Difficile ipotizzare un futuro commerciale per questo progetto, ma è piacevole dare uno sguardo a quello che "potrebbe essere" se logica e costi di realizzazione di un simile oggetto venissero messi da parte per qualche istante.

Autore: Redazione

Tag: Novità , strada , anticipazioni , tecnica , tecnologia , concept


Top