dalla Home

Speciale

EICMA 2018

dal 08/11 al 11/11

Epoca e Classiche

pubblicato il 18 ottobre 2018

Classiche da record: l’asta Bonhams sfiora i 4 milioni di euro

L’appuntamento autunnale ha segnato il primato di incassi, grazie a una serie di “chicche” arrivate sul banco

Classiche da record: l’asta Bonhams sfiora i 4 milioni di euro
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Asta Bonhams da record: le moto - anteprima 1
  • Asta Bonhams da record: le moto - anteprima 2
  • Asta Bonhams da record: le moto	   - anteprima 3
  • Asta Bonhams da record: le moto - anteprima 4
  • Asta Bonhams da record: le moto - anteprima 5
  • Asta Bonhams da record: le moto - anteprima 6

Il mercato delle moto vintage è più forte che mai, verrebbe da dire guardando le cifre delle aste Bonhams che ogni stagione portano a galla vere e proprie perle rare, degne dei più blasonati concorsi d’eleganza. E se i comuni mortali devono accontentarsi delle modern classic che ormai ogni marchio ha in gamma, c’è anche chi può ambire a moto d’epoca dai prezzi esorbitanti, come è successo nell’ultima asta di Bonhams, che ha raggiunto la cifra di 3.961.000 euro.

Le moto

Tante le rarità, a partire dalla Norton-JAP Mk1 del 1952 trasformata da Francis Williams in una racer, chiamata appunto “Saltdean Racer” e venduta a 91.000 euro circa. Il martelletto ha battuto per oltre 94.000 euro invece una delle moto più “strane” della storia: la Bohmerland Langtouren. Famosa per essere la moto con l’interasse più lungo mai prodotto, è alimentata da un monocilindrico da 603 cc. Nonostante le condizioni non “freschissime”, la moto ceca ha trovato un suo ammiratore. Meno rara ma sicuramente più affascinante è la Henderson Model 2 Z Four del 1919, alimentata da un quadricilindrico da 1.147 cc e provvista di luci elettriche, un elemento di alta tecnologia per l’epoca, e una sirena: è stata acquistata per 55.000 euro. Sono serviti oltre 78.000 euro invece a chi si è portato a casa la AJS Model 20 Spring Twin customizzata per il Earles Court Motorcycle Show del 1952.

Dominio Brough Superior

Quando si parla di aste e prezzi record è raro che non ci sia lo zampino di Brough Superior. I tre esemplari di “Rolls Royce delle moto” avevano un dettaglio in comune non trascurabile: erano tutte e tre progetti da ultimare, arrivati alla sede d’asta letteralmente “a pezzi”. Un ostacolo che non ha scoraggiato i collezionisti che si sono assicurati la SS1000 del 1933 per 183.166 euro, la SS1000 Sand Racer del 1925 con parecchie modifiche da gara per 301.000 euro e la SS1000 Alpine Grand Sport del 1926 per 269.401 euro.

Youngtimer e moderne

Durante l’asta hanno trovato spazio anche alcune leggende meno attempate ma sicuramente altrettanto ambite del mondo delle due ruote: una delle Honda VFR750 RC30 che erano state ritrovate “come nuove” mesi fa è stata battuta all’asta per 53.649 euro, mentre la Suter MMX1 da Moto GP di Colin Edwards una delle "Claiming Rule Team" che competevano nella classe regina del Motomondiale ma erano talmente distanti a livello tecnico e agonistico da avere una classifica a parte, è stata venduta per 52.326 euro.

Autore: Redazione

Tag: Epoca e Classiche , epoca , vintage , record


Top