dalla Home

Sport

pubblicato il 8 ottobre 2018

MotoGP, in Thailandia tra conferme e punti di domanda

Le nostre considerazioni dopo il GP di ieri che ha visto trionfare Marquez davanti a Dovizioso e Vinales

MotoGP, in Thailandia tra conferme e punti di domanda

Sarà anche un mondiale MotoGP 2018 dall'esito scontato (ormai da molte gare), eppure ogni domenica Marquez e Dovizioso riescono a regalare tante emozioni con le loro battaglie a suon di incroci più o meno pericolosi e sorpassi sul filo del rasoio. In Thailandia abbiamo assistito all'ennesimo show da cui sono emerse, se vogliamo, tre conferme.

La prima riguarda il fatto che la Ducati ha raggiunto un livello di performance altissimo. È tra le migliori moto del mondiale, se non la migliore; l'esito della gara di Phillip Island (circuito tra i più ostici per la Rossa) darà la sentenza definitiva sul livello di crescita raggiunto.

L'altra riguarda Dovizioso, che forse oggi sente ancora di più il peso dei tre zeri incassati quest'anno. È l'unico in grado di giocarsela con Marquez o quantomeno di impensierirlo. E con qualche errore in meno e un po' di fortuna in più forse ora avrebbe potuto mantenere aperta la lotta al titolo fino alla fine della stagione.

L'ultima riguarda invece Marquez. Il settimo mondiale è solo una formalità: gli bastano tre punti per portarlo a casa. E ieri per la prima volta è anche riuscito a battere Dovizioso nella lotta one-to-one. Si conferma, dunque, più forte pilota del circus e non abbassa mai la guarda. Cerca costantemente di migliorarsi e di curare pure i suoi punti deboli studiando i suoi avversari. Sta per raggiungere il top della maturazione professionale e sarà davvero difficile contrastare il suo talento nel medio-lungo periodo.

Si sono invece riviste le Yamaha, che attendono ora il Giappone per avere, appunto, conferme: per capire se il risultato positivo della Thailandia sarà "casuale" o se invece può considerarsi l'inizio di una risalita che ci auguriamo tutti: perché sia Vinales che Rossi, seppur per motivi diversi, meritano di potersi giocare le proprie chances alla pari degli altri.

Autore: Francesco Irace

Tag: Sport , motogp


Top