Novità

pubblicato il 28 novembre 2008

Harley Davidson XR 1200

Flat track per l'Europa

Harley Davidson XR 1200
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 1
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 2
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 3
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 4
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 5
  • Harley Davidson XR 1200 - anteprima 6

La Harley Davidson XR 1200 è una moto davvero particolare. E non parliamo tanto della sua estroversa "sportività" ma del fatto che prima di essere stata commercializzata negli USA, terra d'origine, ha voluto conquistare il pubblico del vecchio continente. L'arrivo sul mercato statunitense, infatti, è previsto solamente per il mese di dicembre 2008, in un lotto iniziale di soli 750 esemplari.

Ispirata senza mezzi termini alla Harley-Davidson XR 750, la flat track racer con il maggior numero di vittorie nella storia delle competizioni a due ruote, la XR 1200 rappresenta - secondo John Lewis, Direttore Marketing di Harley-Davidson Europe - "un perfetto completamento della gamma Harley Davidson, una streetbike prestazionale e maneggevole, dal look particolare e dalla guida divertente."

La XR1200 è equipaggiata con una versione da 91 CV a 7.000 giri del motore Evolution V2 1202 cc.
Raffreddato ad aria, dotato di iniezione elettronica sequenziale ESPFI, cambio a cinque marce e scarico 2-1-2 con verniciatura in cromo satinato, il cuore della XR 1200 è un corsa lunga (96.8 mm e 88.9 di alesaggio), in grado di erogare la bellezza di 100 Nm di coppia massima a soli 3.700 giri. Valori che, assicurano in Harley, rendono la guida divertente nonostante misure vitali generose: 250 kg di peso a secco, 29.3° di inclinazione del canotto di sterzo, 130 mm di avancorsa e 1.515 mm di passo sono valori che, potenzialmente, potrebbero mettere in ginocchio quasiasi velleità sportiva.

Sotto il profilo ciclistico Harley Davidson ha scelto di rivolgersi a Showa per la forcella a steli rovesciati da 43 mm, mentre dietro l'oscillazione del doppio braccio è controllata da una tradizionalissima coppia di ammortizzatori. Le ruote in lega a tre razze, da 18" e 17", sono gommate rispettivamente 120/70 e 180/55 e frenate un kit Nissin, che davanti prevede una doppia pinza a 4 pistoncini mentre dietro una più "tranquilla" soluzione a pistoncino singolo.

Completamente inedita la strumentazione, dotata di un ampio contagiri con sfondo bianco e tachimetro a indicazione digitale. Prezzo di listino fissato in 11.500 euro.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top