dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 25 luglio 2018

ANCMA: otto richieste al Governo

Una serie di proposte che l'Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori di Confindustria pone all'esecutivo

ANCMA: otto richieste al Governo

Confindustria Ancma ha presentato a fine giugno alla propria Assemblea annuale, a cui ha partecipato anche il presidente Vincenzo Boccia, la pubblicazione “Situazione e proposte per la mobilità a due ruote”. Nero su bianco non solo le richieste del comparto al nuovo Governo. Vediamole, visto che a distanza di un mese non si è ancora mosso nulla. Troppo presto? In compenso, il ministero dei Trasporti ha promesso una legge che imponga i sensori anti-abbandono (parliamo dei bimbi che muoiono nell’auto per asfissia, dimenticati dai genitori) per i seggiolini.

Ecco i punti:

1. Riforma del Codice della Strada: completare iter del riordino normativo con particolare attenzione alla circolazione dei motocicli in autostrada, l’accesso di cicli e moto nelle corsie riservate in ambito urbano, la limitazione di ostacoli fissi artificiali. Attenzione alla sicurezza per i veicoli a due ruote nella progettazione di nuove infrastrutture, costituzione presso il Ministero dei Trasporti di un registro nazionale per l’identificazione volontaria delle biciclette. Obbligatorietà del casco per bambini alla guida di biciclette fino ai dodici anni d’età e promozione del trasporto delle biciclette su tutti i mezzi pubblici. 

2. Sicurezza stradale: incentivi per l’acquisto di abbigliamento tecnico per motociclisti e ciclisti. 

3. Infrastrutture sicure: approvazione dello schema di decreto sui guardrail sicuri per i motociclisti e implementazione infrastrutture per la mobilità ciclistica. 

4. Nuova forma di trasporto e mobilità: effettiva realizzazione di una capillare infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici a livello nazionale, promozione dell’uso dei veicoli elettrici attraverso il welfare aziendale, introdurre la mobilità elettrica nelle gare d’appalto. 

5. Veicoli a Basse Emissioni: promuovere l’adozione di un’efficace politica di incentivazione fiscale. 

6. Sharing mobility: defiscalizzazione dei servizi di sharing e verifica di conformità delle biciclette impiegate nei servizi di sharing. 

7. Mobilità legale: definizione di un quadro regolatorio per la micromobilità e campagna di controllo nei confronti delle e-bike. 

8. Mobilità connessa: stimolare l’attuazione del Piano di Azione Nazionale sugli ITS (Intelligent Transport Systems).

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada , trasporti


Top