dalla Home

Test

pubblicato il 22 luglio 2018

Honda Forza 125 2018 - TEST

Confortevole e parsimonioso, in sella sembra uno scooter di fascia più alta

Honda Forza 125 2018 - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 1
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 2
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 3
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 4
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 5
  • Honda Forza 125 2018 - anteprima 6

Ricordo molto bene la prima volta che guidai un Forza 125. A colpirmi, soprattutto, furono le prestazioni (paragonabili a quelli di un 150 cc), l'ottima protezione aerodinamica, la qualità in ogni dettaglio. A giudicare dalle parole spese dai tecnici della Casa dell'Ala, l'Honda Forza 125 2018, su cui metterò il sedere fra poco, dovrebbe essere molto migliore rispetto al suo predecessore. Quale sarà la ricetta magica?

Com'è

Al di là della nuova estetica, ora più sportiva e protesa verso la strada, Honda Forza 125 2018 ha ricevuto in dote frecce anteriori e posteriori a LED (così come i gruppi ottici), il parabrezza regolabile elettricamente - l'escursione è di 110 mm - con un tasto sul manubrio, una strumentazione ridisegnata e, dulcis in fundo, più spazio nel sottosella e nel retroscudo. In particolare, sotto la seduta entrano comodamente due caschi integrali e c'è una paratia in plastica riposizionabile per organizzare al meglio il carico. Il vano nel retroscudo, per quanto non sia immediato da aprire e chiudere, ha l'interno verniciato in grigio chiaro (così si trovano meglio gli oggetti), cela una presa 12V e anche una paratia divisoria. Davanti agli occhi del pilota c'è una strumentazione con tachimetro e contagiri analogici, accompagnati da un ricco display: sulla riga superiore (le info scorrono premendo il tasto A sul blocchetto sinistro del manubrio) si leggono timer viaggio, trip A e B, consumo medio A e B. Sulla riga centrale (tasto B) compaiono invece contakm, autonomia residua e consumo istantaneo. Molto importante è anche la riga più bassa, perché oltre alla temperatura ambiente ecco comparire anche il voltaggio batteria: così, si può tenere sott'occhio la carica dell'accumulatore, che potrebbe essere chiamato al super lavoro a causa dello start&stop. Lo spegnimento del motore funziona infatti così bene che, per brevi soste, ci si potrebbe anche dimenticare di togliere il contatto. Honda Forza 125 2018 offre di serie anche il Keyless Go che, per la prima volta, può controllare anche la chiusura del bauletto (come sul Forza 300). Costruito nella fabbrica italiana di Atessa, il Forza 125 2018 è l'unico ottavo di litro Honda ad avere un motore con testata a quattro valvole, capace di 15 CV a 8.500 giri e 12,5 Nm a 8.250 giri. Più che la velocità massima, 108 km/h, a colpire sono i consumi dichiarati: grazie agli 11,5 litri del serbatoio e ai 42,7 km/l, questo Forza può fare quasi 500 km con un pieno. 

Come va

I punti di contatto con il precedente modello sono molti. Il Forza 125 ha sempre quell'aria da scooter di cubatura maggiore, tanto che potreste facilmente scambiarlo con un 150. Al di là della semplicità di utilizzo in ogni situazione (dalla città all'extraurbano, passando per l'autostrada, che in Francia, luogo della prova, è permessa agli ottavo di litro) colpisce sempre il comfort, con una sella ben dimensionata anche per due e una protezione aerodinamica di categoria superiore. Non ci si può lamentare nemmeno per il molleggio, adeguato al segmento, e per la frenata, dotata del giusto mordente. Certo, la pedana è sempre divisa in due dal generoso tunnel centrale in cui si nasconde il bocchettone del carburante, ma questa non è certo una novità. E poi la posizione di guida, un filo più attiva ma senza diventare scomoda, piace. Si sente che il monocilindrico vanta una maggiore propensione a prendere i giri rispetto, ad esempio, a quello del PCX 125, ma la qualità migliore rimane l'ottimo matrimonio con la trasmissione, sempre dolce, e un allungo di tutto rispetto. Cosa non va? Più che di difetti, è il caso di parlare di limiti. Due, nello specifico. Il primo è dovuto al divieto di circolazione su autostrade e tangenziali dei 125 cc: quando lo elimineranno, l'Italia sarà un Paese (un pochino) migliore. Il secondo si nasconde in Casa e risponde al nome di SH125i: con un ruota alta così, che oltretutto costa 1.650 euro in meno, il mercato ha già fatto la sua scelta. 

Quanto costa

In un certo senso è un vero peccato, perché Honda Forza 125 2018 è un vero campione di economia: durante il nostro test nei dintorni di Nizza, in città, extraurbano e autostrada, il consumo medio non ha mai superato i 2,5 l/100 km, ovvero 40 km/l. Certo, il listino non è proprio da discount: Forza 125 2018 costa 5.090 euro ed è disponibile in quattro colori: black, Matt Carnelian Red Metallic, Matt Lucent Silver Metallic e Matt Pearl Cool White.

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Test , test


Top