dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 luglio 2018

Yamaha, la Ténéré 700 World Raid sbarca in Africa

La seconda tappa del tour che porterà il concept della maxi-enduro in giro per il mondo ha toccato il deserto marocchino

Yamaha, la Ténéré 700 World Raid sbarca in Africa
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 1
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 2
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 3
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 4
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 5
  • Yamaha Ténéré 700 World Raid, la tappa africana - anteprima 6

L’avevamo lasciata in Australia, arrivata ancora impacchettata nelle mani dell’ex pilota ufficiale Yamalube Rally Team, Rodney Faggotter, ed ora la ritroviamo nel deserto marocchino. La Yamaha Ténéré 700 World Raid approda nel continente africano per la seconda tappa della World Raid Experience, e lo fa in sella ad un altro pilota che con la casa dei tre diapason ha un rapporto speciale: Stephane Peterhansel

Il viaggio

Il due volte campione mondiale Enduro, che vanta vittorie anche nel Rally Dakar, nell’Abu Dhabi Desert Challenge e nel Rally di Tunisia ha guidato il concept della leggendaria enduro giapponese, che presto dovrebbe entrare in produzione, ripercorrendo una delle tappe celebri della Parigi-Dakar originale. 600 km nei dintorni d Merzouga, nel cuore del deserto del Sahara. La gallery mostra come, tra dune e accampamenti di tribù beduine, la Ténéré si trovi nel suo habitat naturale.

La moto

Come da tradizione Yamaha, Ténéré deve essere sinonimo di capacità e leggiadria anche nelle situazioni più estreme, e per questo è stato scelto il motore CP2 da 698 cc, che rende la moto potente ma allo stesso tempo abbastanza snella da poter affrontare qualsiasi tipo di fuoristrada, il serbatoio è capiente e disegnato con un profilo basso, per ampliare il raggio di movimento del pilota. Il telaio in acciaio e gli inserti in fibra di carbonio contribuiscono all’opera di alleggerimento della Ténéré e aumentano la guidabilità. Anche l’altezza da terra è stata pensata per rendere la moto a portata di tutti, con una seduta più bassa rispetto al concept T7, prima versione della moto.

La prossima tappa

Dal Marocco, e dalle mani di Peterhansel la Yamaha Ténéré World Raid sorvolerà l’Oceano Atlantico fino ad arrivare in Argentina, nelle mani di Adrien Van Beveren, che seguirà il tracciato delle tappe che hanno animato la Parigi-Dakar dal suo arrivo in Sud America. Per adesso ci accontentiamo volentieri del video nel deserto marocchino.

Yamaha Ténéré 700 World Raid - Africa

Autore: Luca Sabatini

Tag: Curiosità , enduro , dakar , piloti


Top