dalla Home

Speciale

EICMA 2018

dal 08/11 al 11/11

Curiosità

pubblicato il 8 luglio 2018

“Evel Live”: tre ore per riscrivere la storia

Travis Pastrana emulerà 3 dei salti in moto più famosi del leggendario Evel Knievel in diretta TV, per sfidare l’icona e omaggiare la leggenda

“Evel Live”: tre ore per riscrivere la storia
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 1
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 2
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 3
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 4
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 5
  • Evel Live: lo stunt show di Travis Pastrana - anteprima 6

Las Vegas, Nevada. 8 luglio 2018, ore 5 PM locali. Sono queste le coordinate spazio-temporali che potrebbero interessare gli storici delle due ruote. Perché oggi pomeriggio nella città delle luci il mito del freestyle motocross, Travis Pastrana, sfiderà la leggenda dello stunting motociclistico, Evel Knievel. Per farlo ha organizzato, insieme al suo Nitro Circus e a History Channel un evento che terrà incollati agli schermi del televisore molti americani. Per Pastrana questo è il sogno di una vita, un desiderio da realizzare sin da quando il futuro campione di motocross incontrò Knievel ad un contest di bikini ed ebbe l’occasione di parlare con lui, nonostante le uniche parole che Evel gli rivolse furono: “Vammi a prendere una birra”.

La moto

Knievel si librava in aria su Harley-Davidson, Triumph e BSA, quindi Pastrana ha escluso immediatamente l’ipotesi di superare i tre record di Evel in sella ad un leggero motocross. Così Indian Motorcycle ha donato alla causa 4 Scout FTR 750, di quelle che dominano nel campionato di Flat Track americano, facendole recapitare a casa Roland Sands. Il designer americano ha speso ore a trasformare un tracker in una moto adatta a saltare e soprattutto ad atterrare senza infrangersi in centinaia di pezzi. “Abbiamo sostituito pedane, sospensioni, rivisto il motore da 750 cc e fatto molte altre modifiche funzionali” ha commentato Sands, che ha aggiunto: “Abbiamo tolto le tabelle portanumero caratteristiche della FTR per una questione aerodinamica, ma anche per far assomigliare la moto a quelle di Knievel. Anche Travis ha studiato la spettacolarità dei numeri di Evel Knievel, e intende replicarla durante lo show, tranne per le parti in cui Evel si faceva male”. Un’emulazione tanto accurata da costringere Pastrana in tuta di pelle, per lui nera, e stivali da cowboy, come Evel era solito saltare.

I salti

Saranno 3 in 3 ore, dettaglio che rende l’evento adrenalinico proprio come ci si aspetterebbe da uno dei protagonisti assoluti del Nitro Circus. Pastrana cercherà di battere nei numeri i salti più famosi di Knievel. Salterà sopra 55 auto demolite, creando una curva parabolica alta tanto quanto 18 auto una sopra l’altra (Knievel si è fermato a 50), tenterà di oltrepassare la distanza creata da 16 autobus parcheggiati (per Evel i bus furono 14) e terrà per il finale il numero più spettacolare: la fontana del Caesar’s Palace. Ma Pastrana ci tiene a ribadire che nonostante i numeri siano creati per battere i primati di Knievel, “Evel Live” rimane un tributo: “Cercherò di saltare più distante perché Evel è stato un pioniere, ha fatto quello che nessuno aveva ancora fatto. Ma oggi le moto sono più leggere, migliori e tutta la macchina dello spettacolo può contare sulla tecnologia. Knievel non avrebbe mai seguito la costruzione di una rampa per un suo numero, io lo farò per cercare di concludere al meglio i tre salti”. In Italia purtroppo non avremo la possibilità di sederci con birra e popcorn davanti la TV per vedere se Pastrana ce la farà o se la leggenda di Knievel rimarrà intatta. Ma scommettiamo che già da domani sicuramente i video salienti faranno il giro del web.

Evel Live, lo stunt show di Travis Pastrana

Autore: Luca Sabatini

Tag: Curiosità , cross , freestyle , stunt


Top