dalla Home

Speciale

EICMA 2018

dal 08/11 al 11/11

Curiosità

pubblicato il 19 giugno 2018

Royal Enfield porterà i suoi clienti dentro gli stabilimenti

Gli acquirenti potrebbero seguire il processo di costruzione della propria moto

Royal Enfield porterà i suoi clienti dentro gli stabilimenti

Per le quattro ruote non è una novità: vari marchi permettono ai loro clienti di seguire il processo di costruzione del veicolo, sia dal vivo che online. Lo fa Chevrolet per le Corvette, come AMG e Aston Martin. Per le moto però, il terreno è ancora inesplorato. Potrebbe diventare realtà per i clienti Royal Enfield, grazie a un progetto in fase di approvazione nel quartier generale indiano di Eicher Motors, azienda proprietaria del marchio.

Una Enfield… personale

Dai due stabilimenti Royal Enfield della provincia indiana di Chennai, nel 2017 sono uscite circa 820.000 moto dirette nella rete di vendita, una media di oltre 68.000 pezzi al mese, per lo più destinati al mercato indiano, dove la Classic 350cc è leader del mercato. Numeri che renderebbero complicato lo svolgimento di un servizio come quello che Royal Enfield ha in mente per i propri clienti. D’altro canto però, l’operazione potrebbe riguardare solo la Himalayan e i due prossimi arrivi in gamma, la Interceptor e la nuova Continental GT, entrambe alimentate da un motore 650 cc. Per il mercato indiano questi due modelli rappresentano una fascia di prezzo medio-alta, e proprio da qui potrebbe partire il programma di visione del “work in progress” sulla propria moto. “L’obiettivo dietro il servizio è quello di aumentare la fedeltà dei nostri clienti verso il marchio e incuriosire nuovi clienti, visto che molti di loro non hanno mai visto come viene fatta una moto. Inoltre è una grande opportunità per mostrare il nostro processo produttivo e aumentare la trasparenza sui nostri mezzi” si legge in una dichiarazione dell’azienda rilasciata al magazine Moneycontrol.com. Nell’attesa di saperne di più, per ora gli acquirenti dovranno accontentarsi di scegliere la moto solo una volta approdata in concessionaria.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , curiosità , tecnologia


Top