dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 giugno 2018

BMW, la produzione di parti 3D continua per il GS Trophy

Una protezione per il radiatore, personalizzata e stampata in 3D, è il souvenir della tappa asiatica per i partecipanti al trofeo

BMW, la produzione di parti 3D continua per il GS Trophy

È in alluminio, secondo la casa bavarese non avrebbe nessun problema ad affrontare tutti i 2.350 km del GS Trophy e per costruirlo è bastato solo un laser. È la cover-targa personalizzata che hanno ricevuto i partecipanti alla tappa asiatica del rally dedicato alle maxi-enduro tedesche ma è anche l’ultimo segnale lanciato da BMW per introdurre componenti stampate in 3D in auto e moto.

La targa

Sulla cover in alluminio campeggiano in bella vista il numero di partenza assegnato ad ogni partecipante, la città dove la tappa ha avuto la sua partenza e il logo del GS Trophy. Dettagli in rilievo ottenuti grazie alla tecnica di stampa usata da BMW, che ha fuso polvere di metallo in un pannello per poi tagliarlo al laser. Nella parte interna trova spazio anche un breve testo, che spiega la particolarità dell’oggetto. “Stai stringendo un pezzo di futuro tra le tue mani. Questa protezione per il radiatore è stata stampata in 3D, ricavata da pura polvere di metallo AlSi10Mg. E l’unico strumento necessario per realizzarlo è stato un laser ad alta potenza. Abbiamo reso ogni cover unica, come il GS Trophy”. Per qualcuno suonerà come il funerale al romanticismo delle due ruote, per altri come l’antipasto di un futuro non troppo lontano, certo è che la BMW sta concentrando i suoi sforzi per cambiare il concetto di produzione dei veicoli.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , tecnologia , rally , parti speciali


Top