Eventi

pubblicato il 17 ottobre 2008

International GS Trophy 2008

10 giorni "Adventure"

International GS Trophy 2008
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • International GS Trophy 2008 - anteprima 1
  • International GS Trophy 2008 - anteprima 2
  • International GS Trophy 2008 - anteprima 3
  • International GS Trophy 2008 - anteprima 4

L’International GS Trophy 2008 ha preso il via: giorni e giorni in sella alle BMW F 800 GS in cui sarà necessario "navigare" nel deserto, dare prova di resistenza fisica, di abilità meccanica oltre a tutti gli imprevisti che la natura potrà offrire.

I cinque Team - in rappresentanza dei paesi partecipanti: USA, Giappone, Spagna, Germania ed Italia - si sfideranno con l’obiettivo di conquistare la prima edizione del Challenge Internazionale.

Ciascun Team è composto da motociclisti selezionati nei rispettivi Paesi. In Italia la selezione si è tenuta presso la scuola off road BMW Motorrad GS Academy, con sede a Castelfalfi in provincia di Firenze. Alla selezione hanno partecipato 80 motociclisti - scelti tra gli oltre duemila iscritti. I sei rappresentanti italiani sono stati individuati in base alle loro capacità di guida, abilità tecniche, preparazione fisica e conoscenza della lingua inglese.

I sei piloti selezionati, che rappresenteranno l’Italia nella competizione internazionale sono:
1. Giacomo Algisi (Bergamo)
2. Stefano Berton (Belluno)
3. Ennio Bragagni (Arezzo)
4. Claudio Guerrini (Milano)
5. Davide Nicoloso (Torino)
6. Carlo Tenconi (Milano)

La carovana è partita da Milano alla volta di Genova per imbarcarsi e traghettare verso la Tunisia.

I 5 Team, guidati attraverso il deserto tunisino dal "dakariano" Beppe Gualini, raggiungeranno la Tunisia dopo 22 ore di traversata.

Il percorso dell’International GS Trophy 2008 si snoda tra le dune: tra le oasi di Xsar-Ghilane ed El Farouar, forse il tratto più impegnativo. Si passerà dunque attraverso Chott el Djerid, il lago salato più grande del Sahara (in lizza per la palma di nuova "settima meraviglia del mondo"). Il raid si chiuderà tornando in direzione di Hammamet, ma non prima dell’ultimo impegnativo tratto di 30 km sulla sabbia finissima. Il percorso totale è lungo 1.700 km.

Il rientro è previsto il 25 ottobre. Solo allora potremo conoscere il verdetto del deserto.

Autore: Redazione

Tag: Eventi , gare , fuoristrada


Top