Novità

pubblicato il 12 ottobre 2008

Moto Guzzi Stelvio 1200 4V ABS

Più sicurezza e confort per i globetrotter

Moto Guzzi Stelvio 1200 4V ABS
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 1
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 2
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 3
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 4
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 5
  • Moto Guzzi Stelvio 4V ABS - anteprima 6

La Moto Guzzi Stelvio 1200 4V ABS è stata svelata all'Intermot 2008 di Colonia. Una location, quella scelta dalla Casa di Mandello del Lario, non certamente casuale: il mercato tedesco, infatti, è da sempre il più grande sostenitore del sistema antibloccaggio delle ruote in frenata, tanto che il successo commerciale di un modello come Stelvio può arrivare ad essere compromesso in mancanza di quello che sul nostro mercato viene ancora considerato un semplice accessorio.
Grazie alla stretta collaborazione con Bosch il sistema ABS adottato da Stelvio dovrebbe assicurare grande sicurezza ma anche un tocco di sportività, che si traduce in una scarsa "invadenza" del sistema, che ben dovrebbe abbinarsi con le caratteristiche dinamiche di una maxi-enduro molto sofisticata, sia in termini di ciclistica che di propulsore.

Progettato nel rispetto di una tradizione quarantennale, infatti, il Quattrovalvole Moto Guzzi ricrea la razionale architettura del bicilindrico trasversale a V di 90°, introducendo la distribuzione monoalbero a camme in testa, che comanda, per mezzo di silenziose catene "morse", 4 valvole per cilindro. E’ questa un’evoluzione decisiva nello sviluppo del motore da 1200 cc, rinnovato in oltre il 75% delle sue componenti, per raggiungere una potenza di ben 105 CV a soli 7500 giri/min, con una coppia massima 11 Kgm a 6400 giri/min.

Il telaio a doppia trave superiore, in acciaio ad alta resistenza con tubi direzionali dallo spessore di 2,5 mm, vanta sei punti di "unione" al propulsore il quale viene utilizzato come elemento stressato della struttura. Le sospensioni fanno riferimento all'anteriore ad una forcella Marzocchi da 50 mm di diametro e 170 mm di escursione, mentre dietro il "guscio" del cardano CARC svolge anche il ruolo di mono-braccio, in grado di assicurare alla ruota posteriore una escursione di 150 mm gestita da un mono Boge regolabile.

L'impianto frenante, con ABS disinseribile opzionale, è basato all'anteriore su due dischi da 320 mm stretti da pinze ad attacco radiale e da un singolo disco da 282 con pinza a due pistoncini al posteriore.

Tra le novità targate 2009 si fa notare anche il nuovo kit di accessori, pensato per i globetrotter, che si compone di valigie laterali in alluminio e relativi supporti, fari supplementari e paramani integrali.

Autore: Redazione

Tag: Novità , bicilindriche , enduro , turismo , tecnologia , intermot 2008 , fuoristrada


Top