dalla Home

Sport

pubblicato il 7 maggio 2018

MotoGP, a Jerez hanno tutti ragione...

Marquez vola. Iannone torna a brillare. Gara da dimenticare per Yamaha e Ducati

MotoGP, a Jerez hanno tutti ragione...

Ha ragione Dovizioso ad essere arrabbiato per come è andata la quarta gara della MotoGP 2018. In fondo probabilmente è l’unico in grado di assumere le vesti di un potenziale rivale di un Marc Marquez sempre più spietato, preciso ed efficace (è lui quello che in fondo ha più ragione di tutti, visti i risultati).

Perdere così 20 punti - perché avrebbe sicuramente chiuso al secondo posto - in un weekend che si stava rivelando meglio delle aspettative, fa veramente male: al morale, alla classifica e alla squadra tutta. Sì perché qualche responsabilità Jorge Lorenzo, seppur piccola, ce l’ha.

E’ vero, ha ragione il majorchino quando dice che è stato un incidente di gara che ha coinvolto tre piloti tra i più corretti del motomondiale. Ma forse con un pizzico in più di attenzione e con la vena un po’ meno chiusa si sarebbe potuto evitare il tutto. Ha ragione infatti anche Pedrosa quando dice che Jorge prima di riprendere la linea doveva almeno dare un’occhiata. Piccola parentesi, concedetemela.

Lorenzo per alcuni versi può essere anche compreso. Viene da un 2017 disastroso e da tre gp pessimi nel 2018. A Jerez ritrova finalmente brillantezza e ha voglia di restare con i primi. Ha visto che riusciva ad andar forte e ha perso un po’ di lucidità. Tutto qui. Detto questo, non sono tutte sue le responsabilità, se vogliamo.

Pedrosa, dal canto suo, essendo dietro aveva la situazione abbastanza chiara, dunque poteva metterlo quantomeno in conto che qualcuno potesse provare a rientrare. In ogni caso un lato positivo c’è: Iannone ha fatto podio e per come ha affrontato tutto il weekend possiamo dire che ha ottenuto un risultato che meritava (in gara ha sbagliato la scelta della gomma, perché in tutti i turni di prove libere aveva dimostrato di avere un gran passo).

Infine, ha ragione anche Valentino Rossi quando dice che la Yamaha fa un po’ orecchie da mercante circa le soluzioni da prendere (da lui suggerite) per migliorare una moto che oggettivamente sta gettando nell’ombra anche un talento come quello di Vinales. Il 20 maggio si correrà in Franca, a Le Mans. E vedremo lì chi avrà ragione, oltre a Marquez...

Autore: Francesco Irace

Tag: Sport , motogp


Top