dalla Home

Novità

pubblicato il 20 aprile 2018

Il Museo Piaggio si rinnova profondamente. Dal 21 aprile la mostra FuturPiaggio

Cresce nelle dimensioni e nei contenuti. “Piaggio ha basato la sua storia e il suo successo sull’innovazione”

Il Museo Piaggio si rinnova profondamente. Dal 21 aprile la mostra FuturPiaggio

Dopo 18 anni di attività segnati da 600mila visitatori, il Museo Piaggio si rinnova profondamente nel 2018 e apre le sue porte al pubblico a partire da sabato 21 aprile con la mostra “FuturPiaggio - 6 lezioni italiane sulla mobilità e sulla vita moderna”. Cresce la superficie espositiva e aumentano anche i pezzi pregiati esposti che raccontano la storia del Gruppo Piaggio e di tutti gli esemplari dei vari marchi Piaggio, Ape, Aprilia, Gilera e Moto Guzzi. Il Museo Piaggio diventa così il più grande e completo museo italiano dedicato al motociclismo,

La mostra che celebra i 130 del Gruppo Piaggio

La mostra “FuturPiaggio - 6 lezioni italiane sulla mobilità e sulla vita moderna” immerge il visitatore nello spirito dell’opera di Schnapp (Professore di Letterature romanze e Letteratura comparata al dipartimento di Architettura e Design di Harvard) per celebrare i 130 anni di storia del Gruppo Piaggio. La mostra, che sarà aperta fino al 10 giugno, analizza il concetto di mobilità sviluppato dal Gruppo nel corso della sua lunga storia, gettando uno sguardo sul futuro di quello che oggi è il primo player europeo nella mobilità leggera.

Le parole di Colaninno

“Piaggio ha basato la sua storia e il suo successo sull’innovazione, sulla capacità di immaginare un futuro invisibile agli altri, di interpretare i bisogni delle genti in ogni parte del mondo, sia sui mercati occidentali, sia nei Paesi emergenti”, ha dichiarato Roberto Colaninno, Presidente e AD del Gruppo Piaggio. “Il Gruppo Piaggio è presente con i suoi brand (Piaggio, Vespa, Moto Guzzi, Aprilia, Gilera, Derbi, Ape) in India, in Vietnam, in Cina, in Indonesia, ad accompagnare lo sviluppo economico e sociale di quei popoli, creando nuove soluzioni di mobilità, per rendere la vita di tutti sempre più semplice e sostenibile, così come ha fatto in Europa e negli Stati Uniti dal dopoguerra ad oggi. Questo museo non mette in mostra solo splendidi veicoli e macchine di grande ingegneria, racconta tante storie, fatte di ingegno straordinario e di grande coraggio, di emozioni, di competizioni e di vittorie, di trasformazioni tecnologiche, economiche e sociali. Qui custodiamo l’insegnamento che ci arriva dalla nostra storia e, allo stesso tempo, continuiamo a scriverla, perseguendo la strada dell’innovazione continua, seguendo con coerenza e capacità di visione gli stessi valori che ci guidano da oltre 130 anni”.

Autore: Redazione

Tag: Novità , epoca


Top