dalla Home

Test

pubblicato il 25 gennaio 2018

Pneumatici Anlas Winter Grip Plus: la prova sulla neve

Offrono grande trazione sul manto nevoso ma non disdegnano l'asfalto asciutto e bagnato, sempre che sia freddo

Pneumatici Anlas Winter Grip Plus: la prova sulla neve
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 1
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 2
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 3
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 4
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 5
  • Pneumatici invernali Anlas Winter Grip Plus - anteprima 6

Strada per il Mottarone, ore 10.00 di un freddo giorno di gennaio. Dopo il casello e un paio di curve, l'asfalto si copre improvvisamente di neve. Sposto il Riding Mode della BMW R 1200 RT da Road a Rain, e mi “tuffo” nel bianco come se niente fosse. In moto, sulla neve. Tutto merito dei pneumatici invernali M+S Anlas Winter Grip Plus, in verità dedicati espressamente alle maxi-enduro ma disponibili nelle misure giuste anche per alcune maxi-tourer come la RT usata per questo test un po' speciale.

Come sono

Posto che difficilmente la maggioranza dei motociclisti si va a cercare una situazione come questa, con neve (a tratti con ghiaccio) a ricoprire l'asfalto, chi usa la moto anche d'inverno, a temperature comprese tra i +7 e i -15 C°, può trovarsi ad affrontare condizioni che le gomme “estive” fanno sempre fatica a digerire. Anche in città o appena fuori. Penso al leggero strato di brina nelle prime ore del mattino, così come l'acqua mista a neve dopo una leggera nevicata. O anche, perché no, alla pioggia quando la colonnina di mercurio è prossima allo zero. Ecco quindi che pneumatici come gli Anlas Winter Grip Plus un senso ce l'hanno, eccome. Ma come fanno a lavorare così bene alle basse temperature? Semplice: la mescola dei Winter Grip Plus è più morbida e ha al suo interno polimeri che s'innescano già a bassa temperatura. E poi ci sono gli intagli sul tassello, proprio come sulle gomme invernali delle auto, che servono ad “aggrapparsi” alla neve, per avere più trazione. Inoltre, la pressione va tenuta a 0,2 bar in meno rispetto al valore indicato dalla Casa per i pneumatici tradizionali.

Come vanno

Appena montate, bisogna tenere a mente che la paraffina utilizzata per la conservazione del pneumatico s'infila negli intagli sui tasselli, e viene eliminata dopo circa 300 km di uso. Da lì in poi, le prestazioni delle Anlas Winter Grip Plus migliorano notevolmente. Su asfalto asciutto e temperatura tra +5 e -1 C°, la BMW R 1200 RT usata per la prova si comporta bene: scende omogenea in piega (anche un poco più veloce rispetto ai pneumatici di primo equipaggiamento) e si dimostra sempre stabile, pure nei lunghi curvoni autostradali affrontati ad alta velocità. Forzando la mano la guida diventa un po' meno precisa, si avverte che la mescola è più morbida, la moto si muove un po' di più. Soprattutto quando si riprende il mano il gas in uscita di curva, ancora in piega. Ma bisogna sempre considerare che la BMW R 1200 RT usata per il test sfiora, in ordine di marcia, i 280 kg. E poi, difficilmente le gomme estive saprebbero fare di meglio, soprattutto quando la temperatura scende sotto i 7 gradi. Situazione – converrete con me – in cui non viene molta voglia di tirare... Ma la vera sorpresa è la neve. La trazione dei pneumatici Anlas Winter Grip Plus sul manto bianco e a 0 gradi centigradi, è ottima: un filo di gas, con il boxer che ronza sornione, e riesco a superare senza problemi la salita innevata verso il Mottarone (1.492 metri sul livello del mare). Gli intagli sul pneumatico posteriore trattengono la neve, formano un “film” sul battistrada e io... vado. Senza quella sgradevole sensazione che la moto “prenda sotto”, o che si muova da tutte le parti. Non mi sono mai sentito precario o in pericolo, insomma. Mai da dover procedere con le gambe penzoloni, pronto alla classica "pedata" salvatrice. Naturalmente, le curve vanno affrontate poco più che a passo d'uomo. E bisogna essere leggeri sulla leva del freno anteriore, perché l'ABS sul fondo innevato entra quasi subito. Il carattere del boxer, trattabile fin dai bassi regimi, mi ha aiutato. Ma, in tutta sincerità, non pensavo di guidare quasi in scioltezza una maxi come la BMW R 1200 RT sui tornanti innevati!

Pregi e difetti

Gli Anlas Winter Grip Plus mi hanno stupito: sulla neve regalano una trazione che consente di “scalare” un passo innevato. E sull'asfalto asciutto o bagnato, anche se freddo, non si comportano affatto male. Resta da capire la resa chilometrica e bisogna prepararsi ad un prezzo da treno di gomme premium, visto che ci vogliono dai circa 270 ai circa 330 euro – a seconda delle misure – per comprare un treno di Anlas Winter Grip Plus. Altra cosa da non dimenticare: se sul libretto della vostra moto compare l'omologazione M+S, potete tenere gli Anlas tutto l'anno. Se invece non c'è, vanno montati dal 15 novembre e smontati (per legge) il 15 aprile.

Quanto costano

Ecco le disponibilità di misure e i prezzi degli Anlas Winter Grip Plus 

ANTERIORI

110/80 R19 59V M+S: 141,62 euro

120/70 R19 60V M+S: 119,46 euro

120/70 ZR17 58W M+S: 150,69 euro

90/90-21 54V M+S: 106,14 euro

110/70-17 54S M+S: 73,20 euro

POSTERIORI

160/60 R15 67H M+S: 126,88 euro

150/70 R17 69V M+S : 170,36 euro

160/60 ZR17 69W M+S: 165,00 euro

170/60 R17 72V M+S: 184,78 euro

180/55 ZR17 73W M+S: 186,33 euro

140/70-17 66S M+S: 81,74 euro

190/55 ZR17 75W M+S: 187,88 euro

150/70 R18 70V M+S: 173,24 euro

 

Abbigliamento utilizzato

Casco: Shark Evo One

Giacca: Alpinestars Andes V2 Drystar

Guanti: Alpinestars Valparaiso Drystar

Pantaloni: Alpinestars Andes D2 Drystar

Stivali: Alpinestars Belize Drystar

 

Foto:Cristina Pertile

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Test , gomme


Top