dalla Home

Speciale

EICMA 2018

dal 08/11 al 11/11

Sport

pubblicato il 16 gennaio 2018

MotoGP 2018, ecco la Ducati Desmosedici GP di Dovizioso e Lorenzo

Presentato a Borgo Panigale il Team 2018. A fine mese i test in Malesia e il 18 marzo si parte con il motomondiale

MotoGP 2018, ecco la Ducati Desmosedici GP di Dovizioso e Lorenzo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 1
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 2
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 3
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 4
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 5
  • Ducati Desmosedici GP 2018 - anteprima 6

Quest’oggi, presso lo stabilimento di Borgo Panigale, Ducati ha tolto il velo al nuovo Team 2018 e alla nuova Desmosedici GP versione 2018 con la quale Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso prenderanno parte alla prossima stagione del motomondiale. Il via è previsto il 18 marzo in Qatar, dove sotto i riflettori del circuito di Losail partirà la stagione 2018 della MotoGP. In attesa della prima gara, però, a fine gennaio (dal 28 al 30) Jorge e Andrea saranno già impegnati con la nuova moto caratterizzata dalla inedita livrea rosso-grigia per i test ufficiali in Malesia, sul tracciato di Sepang.

Siamo pronti per un 2018 positivo

“Il 2017 si è chiuso bene dal punto di vista commerciale, abbiamo venduto quasi 56.000 moto. Siamo pronti per il 2018 e siamo particolarmente fiduciosi che sarà un altro anno positivo. Siamo in un periodo fantastico: la rivoluzione digitale e il mondo social stanno cambiando la vita di tutti noi e Ducati vuole essere un agente di cambiamento, conservando i propri valori. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti quanti in azienda hanno permesso di ottenere i risultati del 2017. Un grazie anche a tutti i partner che sono insieme a noi per questo nuovo inizio MotoGP, e un grande in bocca al lupo a tutta Ducati Corse, per un 2018 con Ducati protagonista”, ha dichiarato Claudio Domenicali.

Evoluzione, non rivoluzione. Puntiamo al titolo nel 2018, ma non sarà facile

“Tutte le novità che introdurremo sulla nuova Desmosedici GP saranno nel segno dell’evoluzione e non della rivoluzione. Ritengo che entrambi i piloti del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, siano un vero valore aggiunto per noi e che entrambi possano puntare a lottare per il titolo mondiale nel 2018. Dobbiamo solo fare l’ultimo passo, e sappiamo che non sarà facile perché ci stiamo confrontando con degli avversari molto agguerriti e con aziende più grandi di noi. In ogni caso cercheremo di fare il possibile perché il 2018 sia un anno davvero indimenticabile per noi e per tutti i ducatisti”, ha aggiunto Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse.

Dovizioso: “Restiamo con i piedi per terra e lavoriamo sui difetti della moto. Possiamo far bene”

Queste le parole di Andrea Dovizioso: “L’anno scorso è stato un anno strepitoso, ricco di successi, e abbiamo anche imparato tante cose su cui continueremo a lavorare quest’anno. La nostra moto aveva ancora alcune caratteristiche che ci hanno reso la vita difficile su alcune piste e, per il 2018, ci siamo focalizzati a migliorare questi aspetti perché dobbiamo sempre essere in grado di lottare per il podio, su tutti i circuiti. Dopo essere arrivati secondi con sei vittorie nel 2017, naturalmente il nostro obiettivo non può che essere quello di lottare per vincere il campionato, ma dobbiamo restare con i piedi per terra perché sappiamo che ogni anno ha una storia a sé. Partiamo comunque dalla buona competitività dello scorso campionato e dobbiamo solo rimanere focalizzati al 100% come l’anno scorso, quando abbiamo lavorato davvero molto bene insieme al mio team.”

Lorenzo: “2017 anno non facile, ma ora abbiamo una buona base da cui ripartire”

Così, invece, Jorge Lorenzo: “Il 2017 è stato un anno piuttosto difficile per me, perché non ho vinto neanche una gara e all’inizio del campionato non sono riuscito a lottare per il podio, però ho avuto pazienza e non ho mai mollato, e nelle ultime gare abbiamo finalmente ottenuto dei risultati abbastanza buoni. Il lavoro di squadra è stato molto importante e Ducati mi ha aiutato molto per adattare la moto al mio stile di guida, per cui penso che nel 2018 partiremo con una base molto più competitiva. Andrea e la Desmosedici GP hanno dimostrato che abbiamo tutte le carte in regola per provare a vincere il campionato del mondo, e io credo di avere la forza e l’esperienza necessaria per lottare insieme a lui per questo obiettivo. Credo molto nelle nostre possibilità e sono convinto che siamo più forti di un anno fa. Essere ducatista per me è una cosa davvero speciale: sono molto orgoglioso di aver accettato questa sfida e mi sento in famiglia fin dal primo giorno, per cui vorrei poter ripagare la passione e il supporto che riceviamo dai Ducatisti in tutto il mondo con molte vittorie e, se possibile, con il titolo mondiale.”

Ducati Desmosedici GP 2018, i dati Tecnici: 157 kg per oltre 250 CV

Motore: 4 tempi, V4 a 90°,raffreddato a liquido, distribuzione desmodromica evoluta
con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro.
Cilindrata: 1.000cc
Potenza massima: Oltre 250 cv
Velocità massima: Oltre 350km/h
Trasmissione: Ducati Seamless Transmission (DST_EVO). Trasmissione finale a
catena.
Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta, 4 corpi farfallati con iniettori sopra e
sotto farfalla. Farfalle controllate dal nuovo sistema EVO 2 TCF (Throttle Control &
Feedback).
Carburante: Shell Racing V-Power
Lubrificante: Shell Advance Ultra 4
Scarico: Akrapovic
Trasmissione finale: Catena D.I.D
Telaio: Doppio trave evoluto in lega di alluminio
Sospensioni: Forcella Öhlins 48mm upside-down ed ammortizzatore posteriore
Öhlins, con regolazione di precarico, e nuovo sistema freno idraulico in compressione
ed estensione.
Elettronica: Centralina Magneti Marelli programmata con Software Unico Dorna
Pneumatici: Michelin, su cerchi anteriore e posteriore Ø17"
Impianto frenante: Brembo, doppio disco anteriore in carbonio da 340mm con pinze
a quattro pistoncini. Disco posteriore singolo in acciaio con pinza a due pistoncini.
Peso a secco: 157kg

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp


Top