dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 15 gennaio 2018

Rc moto, occhio alla diabolica truffa

Un sito falso certifica l’esistenza di Rc moto false

Rc moto, occhio alla diabolica truffa

Le bande di truffatori si fanno sempre più minacciose in tema di assicurazione delle moto e di tutti i veicoli. Tutto questo grazie a Internet, che consente ai malintenzionati di mettere in piedi raggiri incredibili. L’esempio più recente arriva da www.coperturaveicolo.it, falso sito Internet per la verifica delle coperture assicurative Rc moto e Rc auto. L’IVASS (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) rende noto che è stata segnalata l’esistenza di questa pagina web stranissima: offre la possibilità di verificare la copertura assicurativa.

Polizze temporanee

In particolare, www.coperturaveicolo.it, se interrogato, risponde che determinate Rc moto e Rc auto temporanee sono vere. In realtà, sono false. Per cui, si crea una spirale pericolosissima: un sito falso attesta l’esistenza di Rc moto temporanee false. Ma perché temporanee? Semplice: sono quelle che costano meno. C’è chi le compra per poche decine di euro, pensa di coprire il veicolo per pochi giorni. Invece, circola senza polizza: se causa un incidente, sborsa di tasca propria tutti i quattrini del risarcimento. A nulla vale la buona fede, ossia il fatto che il motociclista abbia subìto il raggiro, messo in piedi con astuzia. A nulla vale anche il centauro abbia verificato l’esistenza della polizza in un altro sito (www.coperturaveicolo.it).

Che cosa è emerso

Dai controlli effettuati dall’Ivass, è emerso che www.coperturaveicolo.it è stato impiegato per attestare falsamente l’autenticità di polizze contraffatte promosse e commercializzate tramite siti Internet non riconducibili a intermediari assicurativi iscritti nel Registro Unico dall’Ivass. Non solo: per avvalorare le informazioni, nell’homepage del sito appare un presunto copyright Ania Italia. L’Ania (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici) ha formalmente disconosciuto la titolarità del sito. Una sorta di “bollino”, di “marchio”, per dimostrare di essere in regola. Pertanto, l’Ivass ha chiesto l’urgente oscuramento del sito alle autorità competenti.

Come difendersi

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al contact center Ivass al numero verde 800 486661 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30. E possono verificare la copertura Rc dei veicoli a motore, inserendo i relativi numeri di targa nel Portale dell’Automobilista: qui. https://www.ilportaledellautomobilista.it/web/portaleautomobilista/verifica-copertura-rc. È servizio di e-government del ministero dei Trasporti. L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella sottoscrizione via Internet di contratti assicurativi, soprattutto se di durata temporanea: basta consultare il sito www.ivass.it. Qui, ci sono gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse a operare in Italia (elenchi generali ed elenco specifico per la Rc moto e auto). Poi c’è l’elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, società non autorizzate e ai siti Internet non conformi alla disciplina sull'intermediazione; in più si trovano il Registro unico degli intermediari assicurativi e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , assicurazione


Top