Curiosità

pubblicato il 2 gennaio 2018

5 buoni propositi per un 2018 motociclistico memorabile

Anno nuovo, tempo di promesse (motociclistiche): cosa vi aspettate dal 2018?

5 buoni propositi per un 2018 motociclistico memorabile

Anno nuovo, propositi nuovi. La cosa vale non solo per quel meraviglioso viaggio che è la vita, ma anche per la moto: ecco, per la stagione 2018, cinque progetti da realizzare in sella (o in garage). Perché non si smette mai di imparare, anche e soprattutto affrontando strade sempre nuove, uscendo dalla propria “comfort zone”. E ancora buon 2018 a tutti!

1. Percorrere più km

Andare in moto fa bene: per qualcuno è anche terapeutico. E allora, per il 2018 potreste proporvi – come prima cosa – di fare più km in sella alla vostra moto. Dove? Ovunque: al lavoro, nel weekend sulle vostre strade preferite, al mare, in montagna, per andare al supermercato, al bar. Ma anche, naturalmente, in pista o in fuoristrada, se amate il genere. Con qualsiasi tempo (o quasi). Perché possedere una moto è bello, usarla ancora di più.

2. Migliorare la capacità di guida

Non importa se andate in moto da 1 mese o da 30 anni: per quanto vi riteniate esperti, c'è sempre qualcosa da imparare. Dal modo corretto dipercorrere una curva alla guida in fuoristrada, passando per le strategie da adottare quando fa freddo e c'è poco grip sull'asfalto o piove. Se non l'avete ancora fatto, può essere una buona occasione per frequentare qualche corso di guida: ce ne sono per tutti e per tutte le esigenze, basta scegliere quello che più vi ispira. Così, potrete godervi di più ciò che la vostra moto è in grado di darvi.

3. Fare un bel viaggio

Il viaggio che non siete ancora riusciti a realizzare: fate che il 2018 sia l'anno buono. Voi, la vostra moto e gli (eventuali) compagni di gita ve lo meritate. La meta? Dal viaggione a Capo Nord alla nostra splendida Italia: Sardegna, Gran Sasso, le Dolomiti, gli Appennini... C'è davvero l'imbarazzo della scelta. Calendario alla mano, selezionate le date papabili e cominciate a programmare.

4. Finire un progetto in sospeso

Custodite ancora in garage la moto dello zio? Avete comprato recentemente un mezzo bisognoso di restauro e non avete mai portato a termine il lavoro? Ecco un altro buon proposito motociclistico per il 2018. Fatelo non solo per riportare agli antichi splendori la moto che avete acquistato (un dovere, per ogni motociclista) ma anche e soprattutto per voi stessi: vederla su strada, con il motore acceso, pronta a partire, vi ripagherà di tutte le fatiche. Garantito.

5. Non risparmiare sull'abbigliamento tecnico

Un anno motociclistico da incorniciare non può che partire da una regola fondamentale: ogni volta che andate in moto, vestitevi con abbigliamento protettivo di qualità. Con la sicurezza non si scherza, ché una scivolata a 40 km/h può avere conseguenze molto serie se “affrontata” con giubbotto e jeans senza protezioni e scarpe da jogging. Per il 2018, destinate il giusto budget per ciò che non avete (o dovete sostituire) fra casco, giacca, guanti, stivali e paraschiena. Andrete in moto più tranquilli.

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Curiosità , viaggi


Top