Test

pubblicato il 9 dicembre 2017

Harley-Davidson Fat Bob: Perché comprarla... e perché no [VIDEO]

La Softail 2018 più innovativa è lei: look forte e prestazioni da maxi grazie al motore Milwaukee Eight

Una Harley-Davidson diversa, la più diversa nella nuova famiglia Softail 2018. Non solo nell'aspetto “fisico” ma anche nella guida. Vediamo come si comporta la Harley-Davidson Fat Bob in questo perché comprarla a stelle e strisce.

Pregi e difetti

Faro rettangolare a LED, pneumatici cicciotti su cerchi da 16 pollici, coda corta: lei non le manda certo a dire. Fra tutte le Softail la più innovativa è lei, quella che si stacca in misura maggiore dai classici canoni stilistici di Milwaukee. Il motore è il nuovo bicilindrico “Milwaukee Eight” da 1.868 cc, ovvero 114 cubic inches, ma c'è anche un fratello minore (107) che ne esprime solo 1.745. In regola con la normativa Euro4, questo cuore può vantare numeri davvero... “big”: alesaggio e corsa sono di 102x114,3 millimetri, mentre i Newtonmetro scaraventati sulla ruota posteriore sono addirittura 155, già disponibili a 3.500 giri. Ciò significa due cose: la prima, che non è necessario tirare le marce. Dai 2.500 ai 4.000 giri circa c'è tutto ciò che serve. La seconda, che ogni volta che spalanco la manopola destra la spinta arriva come un calcio nella schiena, ma di quelli forti. Niente male! A passeggio, invece, non trovo traccia di vibrazioni fastidiose: il merito è del nuovo contralbero, che le ha ridotte del 75%. In movimento ci si mette poco a capire che la più dinamica delle Softail è lei. Nonostante misure importanti – l'interasse è di 1.615 millimetri, il peso in ordine di marcia pari a 306 kg – la Fat Bob scende in piega abbastanza svelta e si fa condurre con relativa facilità. A patto di essere già motociclisti navigati, abituati a gestire moto di una certa stazza. I pneumatici cicciotti offrono una bella sensazione di stabilità in appoggio, anche se costringono a dosare bene il gas in uscita, pena allargamento indesiderato della traiettoria. Da tenere a bada – nel caso – con un po' di freno posteriore usato ad hoc. Il nuovo e più leggero telaio, il baricentro basso e i gommoni dal disegno vagamente all-terrain aiutano nella guida di tutti i giorni. Con un motore (e una coppia) così, però, ci sarebbe stato bene un bel controllo di trazione. Soprattutto in caso di asfalto umido o scivoloso. La frenata è comunque tenuta sotto controllo dall'ABS, naturalmente di serie.

Quanto costa

Per mettersi in garage la Harley-Davidson Fat-Bob 117 in Vivid Black ci vogliono 20.000 euro tondi, che diventano 20.300 per Black Denim, Red Iron Denim, Bonneville Salt Denim e Industrial Grey Denim. Scegliendo il motore più piccolo, il prezzo scende di 2.000 euro. La garanzia è di due anni a chilometraggio illimitato mentre gli intervalli di manutenzione sono previsti sono ogni 12 mesi o 10.000 km. I consumi rimangono intorno ai 16-17 km/l, ma se si spreme il motore aumentano con facilità.

 

 

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Test , test


Top