Special e Elaborazioni

pubblicato il 21 novembre 2017

North East Custom trasforma la Honda Dominator in una scrambler

Un’operazione a basso costo molto ben riuscita per i customizer italiani

North East Custom trasforma la Honda Dominator in una scrambler
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 1
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 2
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 3
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 4
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 5
  • La Dominator di North East Custom - anteprima 6

Con l’obiettivo principale di rispondere alla domanda “è possibile creare una special partendo da un budget ridotto?” i ragazzi di North East Custom di Padova hanno preso una vecchia Honda Dominator 650 del 1994 e hanno dato inizio alla sperimentazione. Il risultato è quello che vedete in queste immagini: una scrambler vintage, leggera ed estremamente invitante anche per chi non ama particolarmente l’off-road.

Nuovo telaietto e serbatoio della CG125

Per farlo i customizer italiani hanno iniziato a lavorare soprattutto sulla parte posteriore della moto, creando un nuovo telaio sopra al quale poter poggiare la nuova sella rivestita in pelle con curatissime cuciture a vista. Un gran lavoro è stato svolto anche per rifare tutto l’impianto elettrico e per realizzare due appendici laterali che nascondono i fili. Il serbatoio è stato preso in prestito da una Honda CG125 e dona alla moto un look estremamente accattivante. Il motore è stato rivisto in tutte le sue componenti.

Ruote tassellate e anteriore da 21’’

Se del Dominator non ci sono più le famose plastiche, è vero anche che però l’anima avventuriera è rimasta intatta. In questo caso è stata esaltata dalla presenza di parafanghi alti sia davanti che dietro, da un fanalino in perfetto stile enduro e da ruote Continental rigorosamente tassellate con cerchi a raggi da 21’’ davanti e da 17’’ dietro; il colore oro è uguale all’originale e richiama il colore scelto per il manubrio.

Logo Honda sul serbatoio

Un piccolo intervento è stato fatto anche per migliorare l’assetto, diminuendo l’escursione della forcella e aumentando leggermente la rigidità. Completano il quadro nuove manopole, un pacchetto luci con indicatori di direzione a LED, uno scarico ridisegnato, una livrea verde scura che richiama i colori della Mini Countryman e il logo Honda che campeggia sul serbatoio. Il tutto rigorosamente a costi bassissimi, o ameno così pare. (credits Bikeexif)

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top