dalla Home

Novità

pubblicato il 11 ottobre 2017

Honda Gold Wing 2018, ad Eicma la nuova globetrotter dell'Ala

Una "fuga" di foto ci permette di vederla nelle sue forme definitive, in attesa del Salone di Milano

Honda Gold Wing 2018, ad Eicma la nuova globetrotter dell'Ala
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 1
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 2
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 3
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 4
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 5
  • Honda Gold Wing 2018 - anteprima 6

La presentazione è in programma per il Tokyo Motor Show e, poi, la nuova Honda Gold Wing (con la sorella bagger F6B) dovrebbe planare ad Eicma 2017 per farsi ammirare anche nel Vecchio Continente. Sono già però trapelate in rete le prime immagini ufficiali, che consentono di farsi un'idea su fattezze e particolarità tecniche di questa pachidermica e vellutata Honda.

Look forte e più tecnologia 

Le immagini raccontano infatti di una Gold Wing che, esteticamente, mantiene il fil rouge con le sue antenate, lungo ben 43 anni. Con alcune succose news: il parabrezza sembra regolabile elettricamente, mentre i fari dovrebbero essere full LED, con indicatori di direzione sugli specchi retrovisori. Più filante la F6B, la bagger, ma sempre con linee più frastagliate rispetto a prima. Da berlina il ponte di comando: oltre ad una strumentazione di tipo automobilistico, con ampio display centrale, non manca una plancia sul serbatoio con controller tondo e tasti di generose dimensioni, per gestire audio e navigatore.

Davanti c'è una sospensione a quadrilatero articolato e ammortizzatore

Grosse le news nella meccanica: sulla Honda Gold Wing 2018 la forcella tradizionale sparisce, lasciando il posto ad una soluzione a quadrilatero articolato, ammortizzatore centrale e forcella rigida. Il tutto, alla ricerca di una migliore stabilità. Questo ha portato anche ad un nuovo telaio bitrave in alluminio e ad una sospensione posteriore probabilmente inedita. Rivisto anche l'impianto frenante, che dovrebbe essere dotato di ABS di tipo cornering. Se sul motore si sa poco – probabile il solito 6 cilindri boxer da 1.8 litri e 118 CV, Euro 4 – è quasi certa la presenza del cambio automatico DCT, che affiancherà una versione classica, con cambio manuale a sei marce.

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Novità


Top