dalla Home

Novità

pubblicato il 9 ottobre 2017

Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018, ad Eicma modifiche di dettaglio

Squadra che vince non si cambia: arrivano solo nuovi colori per alcuni particolari tecnici

Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018, ad Eicma modifiche di dettaglio
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018 - anteprima 1
  • Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018 - anteprima 2
  • Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018 - anteprima 3
  • Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018 - anteprima 4

La Ninja 1000 non ha certo bisogno di presentazioni, dato che è la moto con cui Jonathan Rea ha vinto, con ben due round di anticipo, il Campionato Mondiale Superbike 2017. Visto e considerato che la moto si sta comportando benissimo, ad Akashi hanno deciso di non intervenire pesantemente: infatti, la Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018, pronta al debutto in società ad Eicma, cambia solo in alcuni dettagli estetici.

Modifiche sottili ma consistenti 

Pronti? Tenetevi forte: sulla Ninja ZX-10RR cambia la colorazione dei serbatoi sul piedino della forcella, che da rossi diventano argento, e quella dei tappi forcella (Showa BFF con steli da 43 mm di diametro) che ora sono verdi Kawa. Tutto qui. Vale quindi la pena ricordare in che cosa la Ninja RR cambia rispetto alla "base". Il cupolino è più generoso, per una migliore protezione dall'aria alle alte velocità. Il quattro in linea da 200 CV a 13.000 giri ha camme più spinte e carter rinforzato, per una maggiore affidabilità. Specifici anche i bicchierini della distribuzione, rivestiti – proprio come sulla moto di Rea – in DLC (Diamond Like Carbon).

Il quickshifter funziona sia in salita sia in scalata 

La Kawasaki Ninja ZX-10RR 2018 appoggia al suolo - come in passato - su Pirelli Diablo Supercorsa SP, calzati su cerchi Marchesini a sette razze in alluminio forgiato. I tecnici non si sono dimenticati di ritarare opportunamente forcella e mono (Showa, pluriregolabili), considerando anche il fatto che la ZX-10RR 2018 è omologata monoposto. Capitolo freni: davanti ci sono due dischi da 330 mm con pinze Brembo M50, dietro un disco singolo da 220 mm. A completare il quadro ci si mette anche la piattaforma inerziale a sei assi, il quickshifter (sia in salita sia in scalata) e fregi RR su chiave d'accensione e carter motore.  

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Novità


Top