Novità

pubblicato il 29 settembre 2017

MV Agusta F4 LH44, la supersportiva secondo Hamilton

44 esemplari dedicati al pilota di F1: la vedremo al Salone di Milano

MV Agusta F4 LH44, la supersportiva secondo Hamilton
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 1
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 2
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 3
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 4
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 5
  • MV Agusta F4 LH44 - anteprima 6

Il sodalizio d'intenti fra MV Agusta e Lewis Hamilton, pilota di Formula 1, non è certo una novità. Ma è la prima volta che riguarda una moto con i semimanubri. Si chiama MV Agusta F4 LH44, è disponibile in soli 44 esemplari ed è sviluppata sulla base della F4 RC, diretta discendente della superbike plasmata dal Reparto Corse di Schiranna.

Personalizzazioni... spinte 

Tuttavia, oltre al motore denominato Corsa Corta, con catena di distribuzione centrale e valvole radiali da 205 CV (212 grazie allo scarico in titanio SC-Project e la centralina specifica, consegnati con la moto) la MV Agusta F4 LH44 punta soprattutto sulla personalizzazione estetica. Hamilton, in stretta collaborazione con il CRC (Centro Ricerche Castiglioni) ha preferito un rosso bordeaux di base, ottenuto utilizzando vernici ad inchiostro e non le classiche basi cromatiche. Poi ha aggiunto dei tocchi di bianco perlaceo qua e là, condendo il tutto con elementi neri come il motore, il cupolino (fumé) e la parte bassa della carenatura. A ricordare che questa è una F4 speciale pensano anche la pantera sul serbatoio (logo del pilota inglese, insieme alla sua firma) e il numero 44, discreto, sui fianchi.

Dettagli curati e pneumatici dedicati 

La cura quasi maniacale nel dettaglio – e un accordo con la ditta svedese di sospensioni – ha portato il nero anche sugli steli della forcella Öhlins NIX 30 e su molle e serbatoio olio del mono 36 TTX, tradizionalmente dorati. Osservando la F4 RC LH44 sotto la lente d'ingrandimento si notano altri dettagli: il tappo serbatoio racing, i cerchi forgiati e il dado ruota posteriore lavorato alle macchine utensili CNC anche dopo l'anodizzazione. Infine, i pneumatici: Pirelli Diablo Supercorsa SP (120/70 ZR17 davanti e 200/55 ZR17 dietro) con speciali fregi LH44 sulla spalla.

 

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Novità


Top