Novità

pubblicato il 30 agosto 2008

Ducati Strada Aperta

Multistrada a chi?

Ducati Strada Aperta
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Strada Aperta - anteprima 1
  • Ducati Strada Aperta - anteprima 2

Il nuome, Ducati Strada Aperta, vuole probabilmente cancellare il ricordo di quello che avrebbe potuto essere un grande successo ma, per svariate ragioni, non ha mantenuto fede alle promesse: la Multistrda.

E' ormai ufficiale, infatti, che da Borgo Panigale arriverà al Salone di Milano un nuovo modello, che secondo le indiscrezioni di Motorcycleusa.com dovrebbe chiamarsi, appunto, Strada Aperta. Per il momento di informazioni ufficiali non ce ne sono, quindi anche il nome potrebbe essere diverso, ma la volontà della "Rossa" dovrebbe essere quella di andare a sfidare la BMW R1200 GS, leader incontrastata di un settore che un tempo chiamavano enduro e che oggi può essere tranquillamente ribattezzato, se è consentito il paragone automobilistico, SUV.

Insomma, tassello leggero, seduta rialzata, potenza a sufficienza per essere veloci in autostrada e divertirsi lungo una stradina di montagna, facendo affidamento su di un reparto ciclistico di derivazione stradale: doppio freno a disco anteriore, telaio a traliccio di tubi in acciaio, sospensione monobraccio e forcella rovesciata dovrebbero essere solo alcuni dei dettagli che andranno a comporre lo schema tecnico di Strada Aperta.

Cose già più o meno viste con la Multistrada 1100, dalla quale sarà ripreso anche il motore. L'eccellente 1100 DS raffreddato ad aria, capace di 95 CV, è certamente l'unità adatta per assicurare tutto quello che serve per dare filo da torcere a qualsiasi rivale. BMW è avvertita.

Autore: Redazione

Tag: Novità , bicilindriche , enduro , anticipazioni


Top