dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 8 settembre 2017

In moto senza casco, boom di multe: più imprudenti o più controlli?

Sicurezza stradale estate 2017: cresce il numero di verbali per mancato allacciamento del casco

In moto senza casco, boom di multe: più imprudenti o più controlli?

Sicurezza stradale durante l’estate 2017: quale bilancio? Dal 1° luglio al 4 settembre, sono stati 355 gli incidenti mortali rilevati da Polizia e Carabinieri: 384 vittime, 16 morti in meno dello dello stesso periodo del 2016. I controlli di Polizia e Carabinieri hanno portato all'arresto di 257 persone. Ben 437.000 le infrazioni rilevate, in calo del 9% rispetto all'anno scorso. Sono le cifre di Viabilità Italia, il centro di coordinamento di forze dell'ordine, Protezione Civile, concessionarie stradali e Ferrovie. Non tengono conto però degli incidenti rilevati dalle polizie locali, quindi il numero dei morti è sicuramente più alto.

Allarme moto

Multe per uso improprio dello smartphone giù del 7,3%, ma verbali aumentati del 12,3% per il mancato uso del casco (sono 4.500 in totale), e del 3,7% per la guida in stato di ebbrezza (5.160), nonché del 14,8% per la guida sotto influenza della droga (458). “Ha funzionato molto il gioco di squadra, di divise, storie, impegni, responsabilità diverse - ha commentato il direttore delle specialità della Polizia Roberto Sgalla -. Possiamo essere soddisfatti di questo impegno notevole e dei risultati. Ma invito a riflettere sui 384 morti, di cui oltre 20 bambini”. In particolare, quest’estate Polizia e Carabinieri hanno sanzionato 4.498 motociclisti senza casco, contro i 4.004 dello stesso periodo (dal 1° luglio al 4 settembre) del 2016. “Stiamo studiando il caso - ha detto allarmato Roberto Sgalla - perché un aumento così consistente preoccupa: è fondamentale capire le ragioni di questo incremento e come correre ai ripari”.

Mille fattori in gioco

In realtà, come sempre accade per le multe, è molto difficile capire quali siano le ragioni del problema casco. Che il fenomeno dei centauri e soprattutto degli scooteristi senza casco sia da arginare, specie in certe zone del Sud, è fuori di dubbio. Ma resta da capire se i verbali siano aumentati perché chi va in moto è meno prudente, oppure perché sono aumentati i controlli da parte delle Forze dell’ordine. O magari perché sono aumentate le persone in moto (in generale, i volumi di traffico è cresciuto dell’1,4%). Tanto per dare un’indicazione concreta, il numero di multe per guida in stato d’ebbrezza o sotto l’effetto di droghe (il discorso vale per chi va in auto) sarebbe enorme nelle strade di notte in determinati percorsi durante i weekend. Analogamente, per il mancato uso del casco, è sufficiente recarsi in alcune aree “calde” del Meridione per far lievitare le contravvenzioni. E, a proposito di temperature, “una certa incidenza - ha detto Giuseppe Bisogno, capo della Polizia Stradale - l’ha avuta sicuramente il bel tempo e il caldo torrido”. Anche se, ovviamente, “non ci possono essere scusanti per una violazione così grave e pericolosa”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato


Top