Novità

pubblicato il 19 gennaio 2009

Kawasaki ZX-6R 2009

10.890 euro per i 128 CV della verdona di Akashi

Kawasaki ZX-6R 2009
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 1
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 2
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 3
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 4
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 5
  • Kawasaki ZX-6R 2009 - anteprima 6

Puntuale come un orologio svizzero la nuova Kawasaki ZX-6R 2009 si è presentata al Salone Intermot di Colonia in forma più che mai smagliante. I tecnici di Akashi parlano di una forte evoluzione rispetto al modello targato 2007 ed in effetti le novità tecniche riguardano in modo massiccio un po' tutti i settori chiave.

PIU' AGILITA'
Uno degli obiettivi chiave è stato quello di rendere la Ninja 600 più agile e reattiva, intervenendo su rigidità torsionale, geometrie e distribuzione delle masse.
Nel dettaglio, rispetto al precedente modello, il doppio trave perimetrale pressato in allumio è stato reso più rigido nella zona del perno forcellone, passato da 24 a 25 gradi (avancorsa 103 mm, 1.400 mm l'interasse) nell'inclinazione del cannotto di sterzo. Sono radicalmente cambiati anche i punti di attacco del propulsore, che ora è installato con un angolo di inclinazione del banco cilindri maggiore. Grazie a questo accorgimento il baricentro della ZX-6R 2009 è stato alzato di 16 mm, a tutto vantaggio della velocità nei cambi di direzione e dei trasferimenti di carico in accelerazione e frenata.

Rimanendo in tema di centralizzazione delle masse si fa notare anche la scomparsa dello scarico, introdotto nel 2005 sotto la spinta del marketing ed ora riposizionato tradizionalmente sul lato destro.
Modifiche hanno riguardato anche la triangolazione sella, pedane, manubrio, grazie ad un inedito telaietto posteriore, più compatto: il piano sella è ora più basso di 10 mm ma anche i semimanubri sono stati avvicinati al piano della sella, la quale è stata a sua svolta snellita per integrarsi all'inedito serbatoio di derivazione ZX-10R.

-10 KG
Il propulsore, anima di ogni moto, conserva la classica architettura a quattro cilindri in linea. 16 valvole, raffreddato a liquido, adotta nuovi alberi a camme in SCM, più leggeri di ben 400 grammi, ed un nuovo carter in magnesio "dimagrito" di 610 grammi. Piccoli interventi, come nel caso delle camme, mirati ad alleggerire la componentistica in movimento hanno riguardato anche gli ingranaggi del cambio, che fanno segnare un -170 g. Altri 220 grammi sono stati guadagnati lavorando sulla pompa dell'olio, sull'ingranaggio d'avviamento e sul serbatoio d'espansione del liquido refrigerante.
Qualche centinaio di grammi arriva anche dal nuovo comando del gas e da una complessa razionalizzazione della zona anteriore, che ora integra i supporti della strumentazione e degli specchietti al condotto di aspirazione dinamico Ram-Air.
Grazie a queste ed a numerose altre modifiche il peso della Ninja 600 è calato di 10 kg, per un totale in ordine di marcia pari a 191 kg.

MOTORE: CURA PER I DETTAGLI
128 CV, 599 cc, caratterizzato da valori di alesaggio x corsa di 67.0x42.5, il nuovo quattro di Akashi è alimentato da un complesso sistema di iniezione elettronica, che prevede iniettori doppi e corpi farfallati da 38 mm, con sottovalvole a farfalla ovali distanziate di ulteriori 10 mm rispetto al passato. Grande cura per il dettaglio è stata riservata ai pistoni, che vantano un profilo più raffinato ed un rivestimento in molibdeno sul mantello studiato per ridurre gli attriti. Il cambio, a sei rapporti ravvicinati, prevede la frizione antisaltellamento di serie.

In termini di ciclistica la nuova Kawasaki Ninja ZX-6R non si vuole proprio far mancare nulla: davanti lavora la nuova forcella Showa BPF completamente regolabile mentre dietro il forcellone a doppio braccio dotato del "classico" leveraggio Unitrack e gestito da un mono-ammortizzatore pluriregolabile.

DISCHI A MARGHERITA
Il reparto frenante è composto all'anteriore da due dischi semiflottanti da 300 mm a margherita controllati da pinze ad attacco radiale, a quattro pistoncini e quattro pastiglie, marchiate Nissin. Radiale è, ovviamente, anche la pompa anteriore. Interessante anche lo stile dei cerchi a sei razze, anch'essi studiati per contenere al massimo i pesi.

TRE COLORI PER L'EUROPA
Tre i colori della nuova e più affilata carenatura, anch'essa derivata dall'ammiraglia ZX-10R. Verde Kawasaki, Metallic Diablo Black e Candy Surf Blue.

HOW MUCH?
La nuova Kawasaki ZX-6R 2009 è in vendita ad un prezzo di listino di 10.890 euro, franco concessionario.

Autore: Redazione

Tag: Novità , strada , 600 , saloni , intermot 2008


Top