Special e Elaborazioni

pubblicato il 26 agosto 2017

Ducati 900 SS by Birdie Customs, una café racer venuta dal freddo

L'officina di Mosca ha lavorato su un modello del 2001

Ducati 900 SS by Birdie Customs, una café racer venuta dal freddo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 1
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 2
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 3
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 4
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 5
  • Ducati 900 SS Birdie Customs - anteprima 6

Personalizzare una moto è spesso un gioco, sapere cosa cambiare e cosa lasciare. Alcune hanno attributi che vorresti mettere in evidenza piuttosto che nascondere, come la Ducati 900 SuperSport ed il suo famoso telaio a traliccio. Questa Ducati 900 SS del 2001 è una café racer e arriva direttamente dalla Russia. Pariamo di uno degli usi più innovativi del telaio a traliccio made in Borgo Panigale che abbiamo mai visto. I colpevoli sono i ragazzi di Birdie Customs, una piccola officina di Mosca, guidata dal suo fondatore Ilya.

In Russia non è facile

Personalizzare le moto in Russia non è un'operazione così semplice. La scena custom è, infatti, ancora acerba e trovare ricambi in aftermarket non è proprio un gioco da ragazzi. A giudicare da questa Ducati, però, Ilya e compagni sembrano avere tutti gli strumenti necessari per realizzare un'indimenticabile opera custom. Per prima cosa i customizzatori russi hanno livellato la silhouette della Ducati e preformato il nuovo serbatoio ed il codino, prima di completare le parti finali usando del carbonio.

Il posteriore

La parte posteriore del telaio della 900 SS è stata ricostruita per ospitare la nuova sezione di coda, che è stata intagliata perfettamente andando a modificare anche la posizione della nuova sella, ricoperta con della freschissima pelle. Adesso è più bassa, cosa che ha comportato anche lo spostamento dei comandi a pedale tramite nuove staffe, per adattarsi meglio all'altezza del pilota. Dato che le ruote a tre razze originali non erano esattamente in stile "café racer", il team russo ha optato per un modello a raggi proveniente dalla Ducati SportClassic, avvolto negli pneumatici Pirelli Phantom Sportscomp.

Lo scarico è hand made

Infine, Birdie ha aggiornato la forcella anteriore con delle nuove cartucce e, quindi, ha lavorato anche sulla sospensione posteriore per adattarla alle nuove caratteristiche della Ducati. Ispirato da un sistema di scarico QD, infine, Ilya e la sua squadra hanno modellato un sistema di scarico completo praticamente da zero. Un tocco finale da veri maestri.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top