dalla Home

Novità

pubblicato il 11 agosto 2017

MV Agusta: F3 675, F3 800 e Dragster 800, ecco l'Euro 4

Il motore tre cilindri riceve molti aggiornamenti ma la potenza non cambia

MV Agusta: F3 675, F3 800 e Dragster 800, ecco l'Euro 4
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 1
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 2
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 3
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 4
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 5
  • MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 Euro 4 - anteprima 6

Meglio tardi che mai: anche i motori tre cilindri MV Agusta conquistano l'obbligatoria normativa Euro 4. Per farsi perdonare del ritardo, i tecnici della Casa Varesina sono però intervenuti molto più in profondità di quanto ci si aspettasse, e non solo sui cuori delle MV Agusta F3 675 e 800 e della Dragster 800 RR. Vediamo quindi cosa è cambiato: mettetevi comodi...

 

Le modifiche sul tre cilindri...

Tanto per cominciare, sappiate che la potenza massima non cambia di una virgola: si parla di 128 CV a 14.400 giri per la F3 675, di 148 CV a 13.000 giri per la F3 800 e di 140 CV a 12.000 giri per la Dragster 800. Ma, per raggiungere questo “semplice” risultato, in MV si sono concentrati su una miriade di componenti: il contralbero è stato riprogettato per ridurre l'attrito e i giochi delle bronzine sono stati rivisti, per diminuire rumore e usura. Nuovi sono anche gli ingranaggi di comando di pompa olio e acqua, così come le camme, le valvole di aspirazione (sulla F3 800 le molle sono doppie) e la guida valvola, ora in materiale più resistente. Nella lunga lista non manca nemmeno un nuovo cambio, che riduce lo sforzo sulla leva, un motorino d'avviamento irrobustito, un inedito catalizzatore e lo scarico riaccordato. Se per le F3 è stato trovato un nuovo punto di fissaggio del tre cilindri al telaio, a garanzia di una miglior rigidità flessionale, per la Dragster 800 debutta una valvola allo scarico, che migliora il sound del tre cilindri. E poi i coperchi motore, ridisegnati non solo per essere più protettivi in caso di urti o cadute ma anche per rendere al meglio dal punto di vista sonoro, eliminando le frequenze sgradevoli.

 

… e quelle sull'elettronica

L'occasione è stata ottima anche per rivedere il reparto elettronica. Le MV Agusta F3 675, F3 800 e Dragster 800 beneficiano di una gestione motore rivista, con un comando ride by wire che, fanno sapere da MV, ha ora un rapporto tra rotazione del gas ed erogazione più efficace e diretto. In questo senso, è stato possibile rivedere anche la taratura del controllo di trazione (regolabile su 8 livelli) mentre il cambio elettronico EAS 2.0 dovrebbe ora essere più dolce e preciso nel passaggio di rapporto. Il quadro strumenti, invariato, riceve la spia OBD per la diagnostica Euro 4. Infine, sono stati rivisti strategia e mappatura della delicata fase di avviamento. L'obiettivo? Maggior affidabilità. Last but not least, i prezzi (f.c.): la MV Agusta F3 675 costa adesso 14.890 euro, mentre ne servono 16.670 per mettersi in garage la F3 800 e 18.100 per la Dragster 800 RR.  

Autore: Andrea Rapelli

Tag: Novità , 800


Top