dalla Home

Novità

pubblicato il 12 luglio 2017

Vespa Sei Giorni, la rinascita di un mito

E’ la versione più potente e tecnologicamente avanzata di tutti i tempi

Vespa Sei Giorni, la rinascita di un mito
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Vespa Sei Giorni - anteprima 1
  • Vespa Sei Giorni - anteprima 2
  • Vespa Sei Giorni - anteprima 3
  • Vespa Sei Giorni - anteprima 4
  • Vespa Sei Giorni - anteprima 5

La Vespa Sei Giorni è una versione speciale, in edizione limitata, erede della Vespa Sport Sei Giorni, che partecipò alla massacrante gara di regolarità “Sei Giorni Internazionale di Varese” del 1951.

Il motore

La Vespa Sei Giorni è caratterizzata dalla scocca in acciaio e monta un tecnologico motore 300 omologato Euro 4. Parliamo di un monocilindrico a 4 tempi, 4 valvole, raffreddato a liquido ed a iniezione elettronica, con 15,6 kW (21,2 CV) a 7.750 giri e una coppia massima di 22 Nm a soli 5.000 giri.

Il design

Il design della Vespa Sei Giorni si ispira a quello delle classiche Vespa e lo si vede nel faro basso e nell’elegante strumentazione circolare con tachimetro analogico su fondo bianco, corredato però da una dotazione tecnologica decisamente più moderna. Gli elementi caratterizzanti della Vespa Sei Giorni sono, però, il cupolino brunito ed il portanumero nero, che recupera la livrea delle Vespa della Squadra Corse degli anni ’50.

Interessanti anche gli accessori

La sella della Vespa Sei Giorni è monoposto, anche se è omologata per il passeggero, e ha un doppio rivestimento con cadenino, impunture elettrosaldate sulla seduta e cuciture bianche in contrasto. Sul controscudo, infine, si nota la targhetta “Special Edition” con il numero di serie, che ricorda l’unicità di questo modello speciale. Interessanti anche gli accessori, come il parabrezza, il bauletto da 42 lt, il supporto bauletto ed i portapacchi anteriore e posteriore. Ricordiamo, inoltre, il kit perimetrale, che garantisce la massima protezione della Vespa, e la sella con la più classica conformazione biposto, anch’essa proposta con doppio rivestimento cadenino.

Vespa Multimedia Platform

Infine, c’è il Vespa Multimedia Platform, che permette di mettere in comunicazione lo smartphone con la propria Vespa, ottenendone così un vero e proprio sofisticato computer di bordo multifunzione.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top