dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 4 luglio 2017

L’innovazione automotive passa dalla Motorvehicle University of Emilia-Romagna

Aperte le iscrizioni a sei nuove lauree magistrali

L’innovazione automotive passa dalla Motorvehicle University of Emilia-Romagna

L'associazione Motorvehicle University of Emilia-Romagna (MUNER) ha aperto ufficialmente i bandi d’iscrizione alle nuove lauree magistrali internazionali e inter-ateneo dedicate al mondo dei motori. Gli indirizzi di specializzazione sono sei: Advanced Powertrain, Advanced Motorcycle Engineering, Advanced Sportscar Manufacturing, High Performance Car Design, Racing Car Design e Advanced Automotive Electronic Engineering.

Entro il 28 luglio

Le domande di ammissione devono essere consegnate entro e non oltre le ore 13 del prossimo 28 luglio, seguendo le indicazioni riportate a questo link. Solo 108 talenti italiani ed europei (altri 12 posti sono riservati, invece, agli studenti Extra-EU) andranno a comporre le prime classi della Motorvehicle University of Emilia-Romagna, un'associazione composta da quattro atenei (Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia e Parma) e da nove importanti brand motoristici: Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, Haas F1 Team, HPE Coxa, Magneti Marelli, Maserati e Toro Rosso.

L’obiettivo è potenziare l’innovazione

La Motorvehicle University of Emilia-Romagna ha come obiettivo quello di potenziare l’innovazione nel campo dell’automotive e per questo ha deciso di puntare sui migliori studenti a livello globale attraverso una proposta formativa d’eccellenza. Pertanto, i quattro atenei ed i nove brand uniranno le forze, attraverso i docenti dei quattro atenei, i visiting professor ed alcuni professionisti del settore, per forgiare queste nuove importanti figure professionali. Le aziende, inoltre, metteranno a disposizione ambienti, laboratori e strumentazioni di ultima generazione, tra i quali banchi prova motore, banchi statici e dinamici, professional driving simulator e galleria del vento.

Gli indirizzi di formazione

L'indirizzo High Performance Car Design sfornerà i futuri ingegneri che imposteranno e progetteranno l’architettura “fredda” di veicoli stradali ad alte prestazioni, mentre l'Advanced Powertrain formerà gli ingegneri capaci di progettare e concorrere all’ingegnerizzazione dei sistemi di propulsione tradizionali e innovativi. Poi, c'è l'indirizzo intitolato Racing Car Design che, a differenza del High Performance Car Design, formerà gli ingegneri che svilupperanno l’architettura “fredda” delle vetture da corsa. Le altre due specializzazioni in Advanced Motorcycle Engineering ed in Advanced Sportscar Manufacturing hanno rispettivamente l'obiettivo di creare figure professionali in grado di progettare e sviluppare un motoveicolo, di serie e da competizione, ad alto contenuto tecnologico, e di pianificare, sviluppare, controllare e gestire sistemi di produzione in ambito automotive per l'Industria 4.0. Chi volesse, infine, iscriversi all'Advanced Automotive Electronic Engineering lo potrò fare tramite questo link. I 30 studenti che ne faranno parte diventeranno esperti in progettazione e ingegnerizzazione dei più avanzati sistemi elettronici, informatici e di connettività in un ambiente automotive.

Particolari requisiti

Coloro che volessero provare ad iscriversi all'Advanced Automotive Engineering e all'Advanced Automotive Electronic Engineering dovranno obbligatoriamente avere una laurea di durata triennale in Ingegneria o in materie tecnico/scientifiche di base (Matematica, Informatica, Statistica, Chimica e Fisica). Inoltre, il voto di Laurea deve essere maggiore o uguale a 95/110 (o equivalente per i candidati non Italiani), e possedere una conoscenza della lingua inglese di livello adeguato.

 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , tecnologia


Top