Novità

pubblicato il 5 ottobre 2008

Yamaha R1 2009

Motore big-bang per una R1 rivoluzionata!

Yamaha R1 2009
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 1
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 2
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 3
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 4
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 5
  • Yamaha R1 2009 - anteprima 6

La nuova Yamaha R1 2009 non è certamente stata rivoluzionata nelle forme: parlare di una grande-R6 potrebbe risultare corretto, se non fosse che da un punto di vista tecnico tra le due moto c'è concettualmente un abisso, in particolar modo in quest'ultima versione dotata come la sorella M1 MotoGp del propulsore big-bang.

Yamaha R1 2009 è ancor più leggera senza dimenticare la potenza ma soprattutto la guidabilità: l'utilizzo di materiali nobili, quali il magnesio ed il titanio, per numerosi dettagli di motore, telaio e componenti accessorie non hanno però ridotto il peso della nuova bomba dei tre diapason, che ora pesa 2 kg in più, raggiungendo così quota 206, ma dichiara all'albero la bellezza di 182 CV.

Non c'è il controllo della trazione, ma tanta elettronica, al fine di rendere il più semplice possibile la gestione di un così fornito arsenale: cornetti ad aspirazione variabile, acceleratore elettronico e mappature mirate a rendere morbida ma corposa l'erogazione sono i principi base di una evoluzione motoristica che ha preso il via con il lancio del model year 2007. Dal fronte ciclistico, Yamaha R1 2009 guadagna diversi dettagli più "racing", come le pedane regolabili su due posizione ed una gommatura posteriore che passa dalla precedente 190/50 all'attuale 190/55, offrendo un sensibile incremento dell'appoggio a terra agli "smanettoni" da circuito.

La posizione in sella si presenterà più compatta, grazie ad uno sterzo più vicino al pilota di 10 mm, aiutato anche dalla sella avanzata di 7,6 mm. Per quanto concerne le pedane poi, Yamaha R1 2009 oltre ad avere la possibilità di regolarle su due posizioni, le vedrà avanzare anche di 10mm.

Il telaio Deltabox in alluminio, sarà coadiuvato da una forcella telescopica da 43 mm mentre al posteriore lavorerà un forcellone oscillante a leveraggi progressivi con un'escursione identica a quella anteriore di 120 mm.
L'impianto frenante sarà composto da una coppia di dischi all'anteriore da 310 mm e da un disco singolo da 220 al posteriore.

Dal fronte estetico, oltre al nuovo disegno del posteriore e dei due terminali, Yamaha R1 2009, si arricchisce di un nuovo frontale non più impreziosito dalla copertura in vetro dai fari, ma da un gruppo ottico integrato nelle prese d'aria interiori; ora aumentate dei volumi e dimensioni.

Arriverà in tre colori: bianca, nera e blu. La prima sarà impreziosita dal telaio verniciato di rosso. (la gialla presente in fotogallery è una versione USA)

Presentazione a Colonia e debutto in pista in gennaio 2009!



Autore: Matteo Sanavio

Tag: Novità , strada , 1000 , quadricilindriche , saloni , anticipazioni , intermot 2008


Top