Novità

pubblicato il 7 agosto 2008

Buell 1125 CR

Semplicemente adrenalinica...

Buell 1125 CR

Gli elementi tipici della nostalgica era delle café racer, come ad esempio il manubrio in stile clubman, vengono riproposti in chiave moderna dall'inedita Buell 1125 CR. Come si può capire dal numero presente nella sigla del nuovo modello, il cuore pulsante non è un possente Harley Davidson ma il bicilindrico a V di 72°, raffreddato a liquido, realizzato dalla austriaca Rotax: in buona sostanza si tratta dello stesso motore già introdotto con Buell 1125 R, anche se in versione leggermente depotenziato: i CV disponibili sono ora 146 mentre la coppia massima si attesta a 111 Nm.

Scendendo nel dettaglio, il motore Helicon vanta soluzioni raffinate come il doppio albero a camme in testa o l'iniezione elettronica DDFI III ad anello chiuso, pensata per garantire una risposta morbida e progressiva all’acceleratore ed una riduzione del consumo. Il posizionamento laterale dei radiatori, all’interno di convogliatori aerodinamici, ha permesso di abbassare il baricentro e di centralizzare le masse. Identici vantaggi sono procurati dal posizionamento sotto il motore del grosso silenziatore del sistema di scarico. La frizione antisaltellamento HVA (Hydraulic Vacuum Assist) sfrutta invece
l’assistenza pneumatica offerta dall’aspirazione del motore per ridurre lo sforzo sulla leva. I rapporti finali, infine, sono più corti (76/27, ovvero 2,815:1).

Il motore è montato rigidamente nel telaio IRC (Intuitive Response Chassis), e contribuisce ad aumentarne la resistenza torsionale oltre a svolgere la funzione di serbatoio del carburante, con una capacità di 20,1 litri. Al fine di migliorare il controllo in fase di accelerazione, il forcellone pressofuso in alluminio è stato allungato di 5 mm rispetto a quello della 1125R.
Sia la forcella con steli rovesciati da 47 mm che il monoammortizzatore sono componenti Showa dalle ampie possibilità di regolazione. L’efficacia della frenata è affidata per l’avantreno al freno Buell ZTL2. La pinza del freno posteriore è alloggiata all’interno del forcellone, e pesa 0,7 kg meno rispetto a quella di un freno a disco convenzionale.

Con un peso di 170 kg, la 1125 CR è la naked più leggera nella propria classe di cilindrata, e grazie alla sua cavalleria offre il miglior rapporto peso/potenza della categoria.

Tutte queste caratteristiche di pregio sono concentrate in una moto dall’aspetto realmente unico: il gruppo ottico anteriore è sovrastato da un piccolo cupolino, mentre la sella del passeggero è celata da una copertura rigida. Il telaio e i componenti verniciati in nero contrastano con gli accenti rossi della pinza frenante anteriore, dei cerchi e della molla del monoammortizzatore. La Buell 1125 CR sarà disponibile nelle tonalità Racing Red o Midnight Black. Per i piloti che preferiscono il tradizionale manubrio delle nostre streetfighter, sarà disponibile nella gamma accessori un nuovo manubrio anodizzato nero.

Autore: Redazione

Tag: Novità , bicilindriche , naked , saloni , intermot 2008


Top