dalla Home

Sport

pubblicato il 16 giugno 2017

Superbike, a Misano si scaldano i motori

Questo weekend il mondiale delle derivate di serie corre davanti al pubblico italiano

Superbike, a Misano si scaldano i motori

Questo weekend la Superbike 2017 torna con un appuntamento di gran fascino. Tocca nuovamente a un circuito italiano e stavolta si correrà a Misano, dove il pubblico spera di celebrare una vittoria delle Ducati (qui gli orari tv per seguire le gare). Dopo il successo di Davies a Imola a metà maggio un fine settimana con il marchio di Borgo Panigale al vertice non sarebbe affatto male. Ma non sarà ovviamente una cosa semplice. L’uomo da battere sarà sempre Jonathan Rea, leader indiscusso di questa stagione.

Rea è carico, non sarà facile batterlo

Il pilota inglese è molto carico. “Dopo aver passato un po’ di tempo a casa sono molto eccitato di arrivare a Misano,” ha spiegato Rea. “Soprattutto dopo il nostro test che abbiamo svolto qui due settimane fa. È un circuito speciale per me, qui ho disputato la mia prima gara del WorldSBK; amo tutto di questa gara: l’atmosfera, il circuito, i tifosi, il cibo e le belle spiagge della costa”. Gli occhi dei tifosi saranno però puntati su Melandri, da cui ci si aspetta un guizzo. “Sono molto fiducioso in vista di Misano”, ha raccontato Marco. “Mi sento molto bene, sia fisicamente che mentalmente. Nei test fatti ad inizio mese abbiamo raccolto dati importanti, pur senza riuscire a risolvere completamente i problemi che ci hanno rallentato negli ultimi due round. Sarà una gara molto calda, in condizioni difficili per tutti. La concorrenza sarà molto agguerrita ma Misano è buona pista per la Panigale R, quindi sono pronto a giocarmela”.

Chissà se Davies rovina la festa alle Kawasaki

Sulla carta però i più accreditati per dar fastidio a Rea sono Davies e Sykes. Quest’ultimo ha ritrovato un po’ di fiducia dopo la vittoria di una gara a Donington e farà il possibile per impensierire il compagno di squadra. “Andrò a Misano pronto per migliorare le mie prestazioni e concentrandomi sull'ottenere più punti possibili”, ha dichiarato Tom. Giocherà “in casa”, invece Davies, e il fattore “campo” potrebbe aiutarlo molto. “Il supporto dei nostri tifosi è sempre importante per me, è qualcosa che apprezzo particolarmente e mi dà una motivazione in più che aiuta sempre”, ha dichiarato Chaz. “Non sono mai salito sul podio a Misano e voglio riscrivere questa statistica. Siamo sempre stati veloci su questa pista. I test sono stati utili, dobbiamo solo sistemare gli ultimi pezzi del puzzle ma il nostro setup di base è stato definito e non faremo cambi radicali. Ripartiamo da lì, con un paio di idee per la FP1”.

 

Autore: Redazione

Tag: Sport , superbike


Top