Special e Elaborazioni

pubblicato il 6 giugno 2017

MK46: MotoKraft Customs omaggia Valentino Rossi con una café racer

Il motore è quello di una Kawasaki EL400 del 2005

MK46: MotoKraft Customs omaggia Valentino Rossi con una café racer
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 1
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 2
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 3
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 4
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 5
  • MK46 by MotoKraft Customs - anteprima 6

In India non va di moda solo il cricket. Un'altra grande passione sono le moto. Il paese asiatico è, infatti, uno dei mercati maggiormente in espansione sul fronte del mercato delle due ruote e, quando parliamo di moto, è naturale citare anche le migliori creazioni custom.

Moto uniche dalle prestazioni eccezionali

Proprio dall'India arriva un bell'omaggio a Valentino Rossi, la MK46, un lavoro di Samik Chatterjee, proprietario di MotoKraft Customs a New Delhi. Dopo la laurea in arte conseguita nel 2009, Samik ha unito la sua passione per le moto alla sua formazione scolastica lanciando il proprio "custom studio", con l'obiettivo principale di creare moto uniche dalle eccellenti prestazioni (ovviamente secondo i parametri del paese asiatico). L’indiano ha applicato questo approccio anche alla MK46.

Una café racer nata da un chopper

Samik Chatterjee ha costruito questa special per augurare buona fortuna al campione italiano. Piuttosto insolitamente, il customizer indiano ha iniziato a creare la sua nuova café racer MK46 a partire da un chopper. Pertanto, ha restaurato il telaio di una Kawasaki Eliminator e, per renderlo adatto al nuovo scopo, ne ha tagliato l'estremità posteriore ed ha applicato dei supporti per livellarlo.

Aumenta la potenza

Al posteriore della MK46, Samik ha adattato un mono-shock KTM saldando i punti di ancoraggio al telaio e al forcellone. Davanti, invece, c'è una forcella da 41 mm tenuta in sede da un set personalizzato di alberi triplici da 12 pollici. Per le ruote, invece, ha montato cerchi da 18" all'anteriore e 17" al posteriore per concederle anche quel giusto tocco di sportività. Entrambi vestono uno pneumatico Pirelli, mentre i freni sono Bybre (una filiale di Brembo). Il motore è quello di una Kawasaki EL400 del 2005, a cui è stata aumentata la potenza grazie ad un aumento di cilindrata e ora notiamo anche dei pistoni sovradimensionati ed un carburatore da 37 mm.

Quel giusto sapore café racer

Per regalarle quel giusto sapore tutto café racer, come detto, Samik ha quasi totalmente personalizzato il telaio della sua MK46. Il serbatoio del carburante era quello di una Royal Enfield GT, ma modificato per adattarsi al telaio della Eliminator. I pannelli laterali mascherano la batteria e lo scarico è coperto da una piastra fatta a mano. Samik ha anche montato un’altra piastra, tipica delle moto da corsa, con il numero 46 di Valentino Rossi nella parte anteriore della moto.

Una finitura più organica e meno VR46

Infine, piuttosto che applicare uno schema colori similare a quello della Yamaha ufficiale di Rossi, Samik ha optato per una finitura più organica e per ottenerla la carrozzeria presenta una patina leggermente inalterata.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top