dalla Home

Test

pubblicato il 3 giugno 2017

Suzuki GSX-S750 2017: Perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Divertentissima tra le curve ma anche equilibrata sulle strade di tutti i giorni... ecco come va la versione 750 della nuda giapponese

La somiglianza con la 1000 è davvero elevata. Ma la nuova Suzuki GSX-S750 2017 non è la semplice “sorella piccola”, piuttosto un modello con una sua identità molto spiccata. Il DNA è sportivo senza mezzi termini - il quattro cilindri in linea è di derivazione Gixxer - e tra le curve questa naked è un vero divertimento. Ma l’equilibrio generale la rende adatta anche all’uso quotidiano… come ci racconta Diego in questo nuovo #perchécomprarla.

Cosa piace… e cosa no!

Come su ogni nuda che si rispetti, anche sulla GSX-S750, via il superfluo, meccanica in bella vista e particolari che esaltano l’immagine sportiva, come il bel puntale inferiore di serie. Le forme sono aggressive e richiamano immediatamente il caratterino pepato di questa moto. Che però, grazie alla posizione di guida azzeccata, è tutt’altro che estrema nell’impostazione: in sella si sta col busto leggermente piegato in avanti e le pedane sono appena un po’ arretrate, proprio come deve essere su una mezzo così.
Equilibrato e sfruttabile, ma anche rabbioso e adrenalinico all’occorrenza, il 4 cilindri in linea da 749 cc è uno dei piatti forti di questa Suzuki, caratterizzato da una piacevole spinta muscolare già ai medio/bassi, che esplode decisa da metà scala del contagiri fino alla zona rossa. Un’unità con una potenza massima di 114 CV a 10.500 giri/min e un picco di coppia pari a 81 Nm che si raggiungono ai 9.000. Interessante anche il dato sui consumi: circa 20 km/l di media, a patto di non esagerare col comando del gas. Nessuna mappa motore, poi, a filtrare il dialogo tra il polso destro e il vigoroso propulsore… su questa settemmezzo il rapporto con la meccanica è diretto e immediato. Ma se si esagera, nessun problema, il traction control settabile su 3 livelli e proposto di serie, lavora molto bene e interviene puntuale tutte le volte che è necessario.
Una moto, la GSX-S750 2017, che più i nastri d’asfalto sono tormentati e più si sente a suo agio. Di quelle, in poche parole, che non fanno sfigurare durante le scorribande con gli amici smanettoni. Ma che non delude neanche in città, grazie alla facilità di guida e all’immediatezza in manovra. Sulla vita a bordo in due, invece, inutile farsi troppe illusioni: una gitarella fuori porta al massimo e poco più...

Il prezzo di questa Suzuki è di 8.890 euro franco concessionario, mentre le colorazioni disponibili sono 2, entrambe piuttosto ben riuscite: la vivace rosso/nera e la blu e nero dell’esemplare in prova.


Abbigliamento tecnico utilizzato

Casco: Shark Skwal
Giubotto: Alpinestars Core Leather Jacket
Jeans tecnico: Alpinestars Crank Denim Pants
Guanti: Alpinestars Rage Drystar Glove
Stivali: OJ Sound

Autore: Redazione

Tag: Test , test , prove


Top