Curiosità

pubblicato il 30 maggio 2017

Una Indian Scout proverà a battere il record della mitica New Zealander

E pensate... alla guida ci sarà proprio il bisnipote di Burt Munro

Una Indian Scout proverà a battere il record della mitica New Zealander
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Bonneville Speedway - anteprima 1
  • Bonneville Speedway - anteprima 2
  • Bonneville Speedway - anteprima 3
  • Bonneville Speedway - anteprima 4
  • Bonneville Speedway - anteprima 5
  • Bonneville Speedway - anteprima 6

Il bisnipote di Burt Munro vuole commemorare il cinquantesimo anniversario del record di velocità della mitica New Zealander, affrontando il Bonneville Speedway con una Indian chiamata "Spirit of Munro Scout".

Ha motore e trasmissione modificate

Lee Munro vorrebbe affrontare la sfida il prossimo 13 agosto, esattamente cinquant’anni dopo l’impresa del suo prozio. La Spirit of Munro Scout ha motore e trasmissione modificate dagli ingegneri del più antico marchio americano. In particolare, la Scout monterà un guscio aerodinamico che dovrebbe trasformare la motocicletta indiana nella due ruote più veloce del Mondo. Però, l’obiettivo non sarà quello di battere il record di Burt, bensì sarà quello di onorare il suo patrimonio storico.

I test si svolgono in California

Il team farà diversi test ad El Mirage, in California, prima di correre sul tracciato di Bonneville. "Mio zio Burt è stata un'importante ispirazione per la mia carriera di pilota e la sua fame di velocità è chiaramente una parte del mio DNA", ha detto Lee. "La moto è fantastica e non potrei essere più orgoglioso di collaborare con questo team di ingegneri. Pilotare la mia Scout a Bonneville vorrà dire per me onorare mio zio proprio durante il cinquantesimo anniversario del suo storico record".

Prima la mountain bike e poi le corse

Nato e cresciuto a Invercargill, in Nuova Zelanda, la stessa città di suo zio Burt, Lee Munro ha iniziato la sua vita “su due ruote” con una mountain bike. Dopo aver vinto molte corse locali, anche finendo quinto nel campionato neozelandese del 2002, Lee iniziò a correre in moto vincendo diverse gare sempre in Oceania. Ora vorrebbe anche correre sull'Isola di Man e per questo motivo ha partecipato al GP di Manx nel 2016 per acquisire conoscenza della pista e prepararsi meglio ad un’altra grande sfida.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , curiosità


Top