dalla Home

Special e Elaborazioni

pubblicato il 29 maggio 2017

Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage: realizzata quasi interamente a mano

Dalla genialità dei customizer australiani una Scrambler slick street davvero intrigante

Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage: realizzata quasi interamente a mano
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 1
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 2
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 3
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 4
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 5
  • Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage - anteprima 6

I customizer di Lanesplitter Garage si sono davvero divertiti con questa Yamaha TW200. E pensare che gli australiani avrebbero dovuto personalizzare, per un cliente, una Honda CT110, ma a causa dei costi elevati, hanno deciso di dirottare la loro creatività proprio su una TW200.

Solo il serbatoio è originale

Il progetto della nuova Yamaha TW200 di Lanesplitter Garage non è stato semplice fin dall'inizio, dato che il cliente si trovava a Sydney ed i customizer hanno dovuto lavorare su schizzi e modelli photoshop condivisi per posta elettronica. "Il che significa che abbiamo dovuto sacrificare alcune cose per includerne altre." ha spiegato Ben di Lanesplitter Garage. Alcune parti della TW200 arrivano dall'estero, come il serbatoio della XS400, mantenuto originale, mentre tutto il resto è ricreato a mano.

Una sella da dirt bike

Le linee del serbatoio originale della XS400 sembrano essere un tutt’uno con la nuova sella progettata per avere uno stile molto simile a quello delle dirt bike. Ben ha deciso di utilizzare come base per la sella della fibra di vetro, a cui ha aggiunto della gomma piuma ricoprendo, infine, il tutto con della pelle proveniente da una conceria situata nella campagna del Queensland.

Un retro da café racer

Il sottotelaio della nuova Yamaha TW200 è stato completamente ricostruito dai peparatori australiani ed è più corto dell'originale. Ben aveva pensato originariamente di allungare il braccio della sospensione, ma ciò avrebbe aumentato decisamente i costi. Pertanto ha accorciato la parte posteriore della Yamaha per ottenere un effetto visivo simile, chiudendola con un loop posteriore tipico delle café racer e con un fanale build-in.

Pneumatici da vera Scrambler slick street

E poi, infine, c'è una delle caratteristiche più importanti di questa Yamaha TW200 by Lanesplitter Garage, gli pneumatici anteriori originali da 18” e 14” al posteriore, sabbiati e riverniciati per renderli ancora più incisivi. C'è anche un nuovo parafango anteriore, mentre la piastra di skid è un'altra importante parte della personalizzazione. Ben l'ha progettata per avvolgere la forma del motore e dello scarico, che è anch'esso nuovo e monta un terminale su misura con un silenziatore corto che regala alla TW200 un suono tutto da godere. Grazie a Ben, possiamo ora definire questa Yamaha TW200 una Scrambler slick street, che si farà sicuramente notare tra le affollate strade di Sydney.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top