Novità

pubblicato il 26 maggio 2017

BMW Concept Link: nuova era per gli spostamenti

Al Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2017, la Casa di Monaco propone la sua visione di mobilità urbana a zero emissioni

BMW Concept Link: nuova era per gli spostamenti
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW_concept_link - anteprima 1
  • BMW_concept_link - anteprima 2
  • BMW_concept_link - anteprima 3
  • BMW_concept_link - anteprima 4
  • BMW_concept_link - anteprima 5
  • BMW_concept_link - anteprima 6

Un nuovo mondo, una nuova visione per la mobilità urbana, quella che viene proposta da BMW con il suo Concept Link. Come lo stesso nome lascia intendere, oltre ad essere uno studio per un nuovo tipo di commuter urbano, ha dalla sua l'intenzione di offrire nuovi spunti sul tema della moto come mezzo adatto ai collegamenti rapidi in città.

Welcome to the future

Come spiega lo stesso Alexander Buckan, responsabile del progetto di veicoli BMW, il Concept Link vuole essere "un veicolo assolutamente nuovo per BMW e vuole differenziarsi da tutti i modelli convenzionali".
Il progetto ha dalla sua tante innovazioni, a cominciare dalle linee della carrozzeria, con rivestimento anteriore in titanio, un corpo stretto ed affusolato ed un piano seduta sostanzialmente piatto, con sedile scorrevole per accedere al vano sottosella. Il Concept Link appare nel suo complesso un mezzo dal baricentro basso e spostato all'indietro, l'ideale per esaltare la maneggevolezza in mezzo al traffico, oltre a facilitare le manovre da fermo con piedi a terra. Dal punto di vista dell'equipaggiamento, troviamo la tecnologia E-Drive con motore elettrico, volta a soddisfare le esigenze della moderna mobilità urbana, grazie a caratteristiche intrinseche per questo tipo di propulsione: rapida accelerazione e zero emissioni. Non manca inoltre la retromarcia, utile in alcuni casi per le manovre di parcheggio.

Linee per esaltare la tecnologia 

Il BMW Motorrad Concept Link ha sovrastruttire che mostrano deliberatamente la tecnologia presente a bordo, per questo i pannelli della carrozzeria non coprono completamente le sezioni laterale e posteriore. Invece si estendono ai lati del veicolo lasciando quindi in vista gli elementi tecnici, come la strumentazione, il forcellone monobraccio, il mono posteriore e la trasmissione finale a cinghia. Un'idea che rende l'insieme più dinamico ed, al tempo stesso, contribuisce a migliorare il flusso aerodinamico attorno alla moto ed al pilota.

Autore: Redazione

Tag: Novità , concept


Top