dalla Home

Special e Elaborazioni

pubblicato il 26 maggio 2017

Moto Guzzi Tomoto, un’opera d’arte in salsa custom

È una V7 ideata da Tom Dixon e Stefano Venier

Moto Guzzi Tomoto, un’opera d’arte in salsa custom
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 1
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 2
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 3
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 4
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 5
  • Moto Guzzi Tomoto by Tom Dixon e Stefano Venier - anteprima 6

Si, una moto può essere classificata come opera d'arte! E a testimoniarlo ci sono moltissimi progetti custom. A supportare questa tesi arriva anche una nuova Moto Guzzi V7 creata dal designer britannico Tom Dixon e dal customizzatore italo-americano Stefano Venier.

Un prototipo affascinante

La Moto Guzzi Tomoto è un progetto ufficiale approvato direttamente in quel di Mandello del Lario. E' un prototipo unico ed affascinante che non sarà venduto e neppure replicato. Dixon ha fortemente voluto partecipare a questo nuovo progetto custom essendo un grande fan del mitico marchio italiano. "Ho guidato la stessa Moto Guzzi per 27 anni, ed è giunto il momento di averne una nuova." ha detto Dixon.

Dixon e Venier

Per rendere concreta la sua idea, Tom Dixon ha chiamato il famoso costruttore di Moto Guzzi Stefano Venier di Venier Motorcycles. "Tom voleva realizzare un concept utilizzando l'alluminio semplice e grezzo." spiega Venier. "Ed è stato molto complesso dal punto di vista costruttivo". Per la Tomoto, Venier ha creato un serbatoio hand-made in alluminio, dei pannelli laterali e delle cover leggere a taglio laser che si basano su alcuni disegni realizzati dallo stesso Dixon. Il fanale riprende uno dei prodotti più famosi di Dixon, la lampada a sospensione Fin, modificata per essere usata in strada con un fascio di luce alto e basso.

Il più intrigante è lo scarico

È lo scarico l'elemento più intrigante dal punto di vista tecnico della Moto Guzzi Tomoto. I terminali sono flessibili ad alta temperatura e si chiudono con semplici silenziatori cilindrici. Gli pneumatici sono anch'essi inusuali. Parliamo di Pirelli sportivi con un battistrada a foglia ideato ancora una volta dallo stesso Dixon. La sella della moto è perfettamente rifinita e sembra felpata, ma si distingue con cuciture nere ed oblique. Inoltre, si appoggia su una vaschetta sotto codone in alluminio che ospita un fanale posteriore a LED.

Una visione

"Tomoto non è solo una moto custom." dice Venier. "È più una visione. Un'opera d'arte unica creata da un'icona del mondo del design che ha voluto esprimere il proprio amore per Moto Guzzi e per il mondo delle due ruote". La V7 è già stata esposta alla Milano Design Week, ma presto la vedremo ancora. Speriamo che questo progetto possa ispirare altri designer a seguire le orme di Tom Dixon e così vedere presto altre opere d'arte vestite da special.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top