dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 3 maggio 2017

Mercato moto, Aprile in calo: male gli scooter ed i 50cc

Le immatricolazioni segnano -9,8% rispetto allo stesso mese 2016. Capelli: "Consumi deboli, ma aumenta la fiducia"

Mercato moto, Aprile in calo: male gli scooter ed i 50cc

Dopo il segno positivo di marzo, Aprile fa registrare un segno meno nel computo delle immatricolazioni. Il totale moto + scooter "oltre i 50cc" segna 21.494, cioè un -9,8 % rispetto allo stesso mese del 2016. Imputati principali di questa flessione sono gli scooter, con 11.547 immatricolazioni (-16.9% rispetto al 2016). Senza sosta il declino dei 50cc che si fermano a 2008 registrazioni, pari ad un laconico -4,7%.

"Il quadro economico non soddisfa, segnali contraddittori"

Il dato di aprile era previsto dato che ogni giorno lavorativo vale circa il 4,5% delle vendite mensili. La sostanziale stabilità del mercato 2 ruote nei primi 4 mesi ci fa comunque ben sperare in un prosieguo della stagione in termini positivi,”- afferma Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA. “Il quadro economico non è ancora soddisfacente e presenta segnali contraddittori - continua Capelli - da un lato la produzione industriale è altalenante e i consumi restano deboli, dall’altro aumenta l’indice di fiducia, nonostante l’incertezza politica; latitano ancora i provvedimenti pubblici per migliorare le condizioni d’uso dei mezzi - spiega -  come strade più sicure e a misura delle due ruote. Così come resta ancora sulla carta la proposta di detrazioni per l’acquisto dei sistemi di sicurezza come paraschiena e airbag, anche se è stato dimostrato il potenziale di risparmio per i costi sanitari.” ha quindi concluso il Presidente dell'Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori.

Soffrono i maxiscooter

L’analisi per cilindrata vede la classe di accesso degli scooter 125cc mantenere la leadership con 12.410 veicoli pari al -2,8%, molto vicini ci sono i 300-500cc con 12.223 vendite pari a quelle dell’anno scorso. La categoria tra 150 e 250cc raggiunge 8.959 unità pari al +2,5%; infine in caduta libera i maxiscooter oltre 500cc, con 2.308 immatricolazioni e un -35,5%.

Tra le moto comandano naked e tourer, risalgono le sportive

Nel comparto moto, i veicoli tra gli 800 e i 1.000cc si consolidano con 10.382 pezzi e un +3,2%, quelli superiori ai 1000cc seguono con 9.114 vendite pari ad un +1,7%. Al terzo posto si classificano le moto tra 650 e 750cc con 5.483 unità e un +3,2% rispetto al 2016. Flessione per le 300-600cc con 3.147 pezzi e un -15,3%; marginali le 150-250cc con 810 moto e un -4,6%; infine le 125cc con 2.053 moto sono stabili sui volumi del 2016.
L’andamento dei segmenti vede prevalere le naked con 11.083 unità e un +10,4%, seguono le enduro stradali in calo con 9.708 pezzi pari al -11,9%. A distanza le moto da turismo in crescita con 5.004 immatricolazioni e un +13,1%; arretrano le custom con 2.036 vendite e un -6,6%. Le sportive con 1.740 moto sono in leggera ripresa con un +2,6%; infine forte calo per le supermotard con 932 pezzi e un -16,9%.

Nel primo quadrimestre del 2017 il totale del mercato italiano delle due ruote a motore (immatricolazioni di scooter e moto superiori a 50cc, più registrazioni di "cinquantini") arriva a 73.421 veicoli (-2,2%).

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , mercato


Top