Special e Elaborazioni

pubblicato il 2 maggio 2017

XTR Rocket 3: la racer in stile british

Una special che vuole rendere omaggio alla mitica Rocket 3 prodotta da Triumph e BSA

XTR Rocket 3: la racer in stile british

La Triumph/BSA Rocket 3 era una tre cilindri molto popolare negli anni '70. Dotata di motore da 750 cc raffreddato a liquido, aveva il compito difficile di fare concorrenza alla Honda CB 750 Four di quegli anni. Ma non solo: infatti, tra le missioni di quella fascinosa 3 cilindri c'era anche quello di dare battaglia in pista alle temibili Yamaha OW nella categoria 750 in corse come la 200 miglia di Daytona. Il suo periodo d'oro risale alla prima metà di querl decennio, quando riuscì a collezionare un filotto di vittorie nella classe 750 del TT dell'Isola di Man tra il '71 ed il '75. In omaggio alla passata grandezza, il prepartore farancese, trapiantato in Spagna, Pepo Rosell ha deciso di mettere mano ad una Triumph Daytona TT 900 tre cilindri per tirarne fuori questa fascinosa special che replica le linee grintose delle corse british della celebre Rocket 3.

Animo Trimph

Per questa opera, Rosell ha utilizzato parti di una più sportiva Daytona 675R: forcelle Ohlins, telaietto reggisella, parafango anteriore in fibra di carbonio, oltre a cerchi in alluminio e pinze freno. L'originale telaio composto da un tubo che sormontava il 3 cilindri 900 è stato modificato per avere maggiore rigidezza e stabilità. Modifiche anche per il motore, con nuovi collettori di scarico e di aspirazione, oltre ad adottare un filtro più efficace per il miglioramento delle prestazioni in pista.
La parte del leone di questa raffinata special la fa però la splendida carrozzeria che replica le moto da competizione dell'epoca: ampio frontale e codino minimal ricalcano le forme della Rocket 3 degli anni '70, così come il serbatoio, modificato, derivante da una Suzuki Bandit.
Il comparto freni è realizzato all'altezza dei giorni nostri: per l'anteriore abbiamo una pompa radiale Brembo che arriva direttamente da una Ducati 1098, così come i dischi da 320 mm di diametro.L'ultimo tocco di classe arriva dalla verniciatura, realizzata secondo le specifiche di colore BSA, il tutto per avere il logo dell'omonima casa inglese ben in vista sul serbatoio.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top