Test

pubblicato il 30 marzo 2017

Yamaha XSR 900 Abarth Limited Edition - TEST

La café racer vestita Abarth arriva sul mercato in sole 695 unità a 12.490 euro

Yamaha XSR 900 Abarth Limited Edition - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 1
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 2
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 3
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 4
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 5
  • Yamaha XSR 900 Abarth Edition - anteprima 6

La prima special café racer della linea Sport Heritage di Yamaha è finalmente arrivata. Un capolavoro di design e stile dotato di una tecnologia di ultima generazione e di rifiniture di pregio dal carattere racing. Stile che contraddistingue anche il marchio Abarth, brand storico di prestigio nel settore racing a 4 ruote, che ha dato un tocco di unicità alla XSR 900 Abarth Limited Edition. Prodotta in sole 695 unità (numero che richiama proprio un modello Abarth), la café racer dei Tre Diapason monta un motore da 850 cc a tre cilindri completo di controllo di trazione (TCS) a 3 livelli, frizione antisaltellamento assistita e marmitta Akrapovic Slip-On in Titanio che garantisce un sound da togliere il fiato.

Arte ed eleganza

Il design globale della moto è un vero capolavoro d’arte ed eleganza. Il cupolino in carbonio dalla forma retrò ha un aspetto vintage molto accattivante e fa da contraltare a una coda che invece esibisce un design moderno, che quasi ricorda il posteriore di un aeroplano. I semimanubri non sono solo belli da vedere ma comportano una posizione di guida da sportiva che migliora il feeling percepito. La grafica è minimalista e raffinata con il sapore di unicità grazie ai loghi Abarth e alla presenza di una placchetta in alluminio dove è rappresentato il numero di produzione delle sole 695 moto prodotte a livello mondiale. Apprezzata la mossa di Yamaha di aderire all’arte della customizzazione con la creazione di questo ed altri modelli in chiave vintage tramite la linea Sport Heritage, che di anno in anno conta sempre più varianti dando la possibilità agli appassionati di rivivere i 61 anni dell’azienda giapponese.

La sostanza non cambia

Sotto l'abito da moto vintage tutta pepe e divertimento c'è la sostanza di una Yamaha XSR 900. Dunque, c'è il noto motore tre cilindri crossplane da 850 cc a quattro tempi raffreddato a liquido capace di erogare una potenza di 115 CV a 10.000 giri/min e 87,5 Nm a 8.500 giri/min. Il telaio è in alluminio mentre le sospensioni sono regolabili sia all'anteriore che al posteriore: davanti c'è una forcella telescopica a steli rovesciati da 41 mm regolabile in estensione con escursione di 137 mm, mentre dietro troviamo un mono a leveraggi progressivi, con escursione di 130 mm, regolabile nel precarico e in estensione. Completa il quadro l'impianto frenante composto da un doppio disco da 298 mm davanti e un disco singolo da 245 dietro.

A tutto test

La Yamaha XSR 900 Abarth non si guida, si vive. Sfrecciare in sella a questa edizione limitata è un’esperienza unica. Quando si spalanca l’acceleratore il propulsore fa letteralmente andare il cuore a mille con un’accelerazione paragonabile a quella di un’aereo: bisogna aggrapparsi al manubrio con le braccia. Prestazioni importanti, dunque, ma caratterizzate da un’erogazione pulita, con il traction control preciso e impeccabile, sempre pronto ad intervenire quando serve. Sorprende anche l'elasticità del propulsore, che riprende anche a bassi giri con estrema facilità. Con la XSR 900 Abarth potrete anche provare l’emozione di raggiungere in pochi secondi i 250km/h portandola magari a fare qualche turno all’interno di un circuito, facendo urlare per bene lo scarico Akrapovic. L’impostazione di guida non è delle più comode, non parliamo di certo di una moto con cui affrontare lunghi viaggi. Sulla XSR 900 Abarth prevale la sportività, quella che riesce a regalare emozioni forti, anche a discapito del comfort ovviamente. Con lei disegnare curve strette e larghe con precisione, stabilità e leggerezza è un gioco da ragazzi. In più si apprezza una spiccata maneggevolezza che aiuta molto nei cambi di direzione. L’impianto frenante risulta eccellente, consentendo tempi di frenata molto brevi e sicuri: i freni sono ben modulabili e si riesce a gestire al meglio anche la frenata a centro curva. Insomma, divertimento puro!

Prezzo e considerazioni

E' un mezzo di lusso, da collezione. E' una moto dedicata a chi vuole rivivere il passato senza rinunciare ad una tecnologia all’avanguardia, divertendosi in massima sicurezza. Non è una café racer da bar, per intenderci, ma una moto vera, capace di garantire performance importanti. Allo stesso tempo è anche stilosa, ama farsi notare e potrebbe fare al caso di chi oltre alla sostanza cerca l'apparenza, il design, lo stile, la moda. Senza dimenticare che un oggetto del genere, a differenza delle moto comuni, potrebbe acquisire valore nel tempo, facendo lievitare i 12.490 euro necessari oggi per l'acquisto.

Abbigliamento

Casco: Scorpion Exo - Exo Combat Matte Black
Giacca: Alpinestars Verona
Pantaloni: Alpinestars Oscar Riff Denim Jeans
Scarpe: Alpinestars Oscar Shoe

Autore: Manuel Lucchese

Tag: Test , test


Top