Test

pubblicato il 11 giugno 2008

Aprilia Sportcity ONE - TEST

Ecco lo sportivo "low cost" di Noale

Aprilia Sportcity ONE - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 1
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 2
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 3
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 4
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 5
  • Aprilia Sportcity ONE - TEST - anteprima 6

Milano - La concorrenza è ormai a dir poco spietata. Da quello che una volta veniva chiamato "il lontano Oriente", giungono sempre più allettanti proposte e, cosa ancor più importante, dal quasi inarrivabile rapporto qualità/prezzo. Si sa, da diverso tempo una delle tante cose che mancano in questa Italia è senza ombra di dubbio il tanto amato denaro. Se una volta si poteva "giocare" allo spendi e spandi preoccupandosi relativamente delle conseguenze a fine mese, da qualche anno a questa parte, i conti bisogni farli e dal giorno esatto in cui arriva lo stipendio...

Ecco quindi che quello che una volta era definito il "lontano Oriente", ora è un paese a dir poco confinante e che rifornisce di gran carriera, un numero sempre maggiore di mercati e settori.

Per rispondere a quest'avanzata gialla, alcuni costruttori nostrani hanno ben pensato di combattere il fuoco con un fuoco ancora più grande! E allora nomi celebri come Aprilia, scendono nel segmento dei Low Cost, ma lo fanno all'italiana ovvero con un prodotto che costa poco, consuma meno, ma che conferma sempre e comunque il suo innato stile e qualità.

Aprilia Sportcity ONE 125 e 50 cc è tutto questo: uno scooter dall'ottimo rapporto qualità/prezzo che pone in pole position la funzionalità e la praticità delle soluzioni adottate.
Low Cost sì, ma sempre e comunque Aprilia e soprattutto Sportcity. L'immancabile doppio faro capeggia su uno scudo essenziale e compatto che invita ad una pedana piatta comoda e soprattutto spaziosa. Al posteriore dimorano invece le maggiori novità. Impossibili non essere catturati dal nuovo codone filante e sfuggente e dalla spiccata indole "racing". L'obiettivo è catturare tutti quelli che si affacciano al mondo delle due ruote - 14 anni in su - e che vogliono, prima di tutto, un mezzo che costi poco in manutenzione e che fuori da scuola attiri l'attenzione come il cellulare di ultima generazione!

Dal fronte ciclistico poi, pur essendo al cospetto di un mezzo unanimemente definito "low cost", Aprilia Sportcity ONE sfrutta soluzioni che pongono in prima posizione la razionalità. Il telaio è infatti composto dalla classica struttura in tubi d'acciaio ad alta resistenza a culla aperta. Con tale soluzione, Aprilia Sportcity ONE garantisce tutta la rigidità necessaria per godersi al massimo la  guida, con uno ottimo feeling e sempre all'insegna della sicurezza.
A far compagnia al telaio in tubi d'acciaio, ci pensa una forcella teleidraulica da 32 mm, ottimamente coadiuvata dal forcellone composto dal gruppo motore-trasmissione, mosso da un ammortizzatore regolabile.

Il contatto a terra è comunque garantito da una coppia di cerchi da 14" a cui si collega, all'anteriore, un freno a disco da 220 mm lavorato da una pinza flottante a due pistonici, mentre al posteriore l'incarico è demandato ad un tamburo da 140 mm.  Per quanto concerne poi il motore, Aprilia Sportcity ONE sfrutta l'immancabile mono quattro tempi. Soluzione indispensabile se l'attenzione vuole essere posta su ecologia ed economia! Il raffreddamento avviene tramite un sistema di aria forzata e dell’alimentazione si occupa un carburatore e sia il motore da 50 che quello da 125 cc sono catalizzati e rientrano nella normativa Euro 3. L'aver optato per soluzioni progettualmente "molto" semplici, si traduce in motori molto robusti, ma soprattutto - non ci stancheremo mai di dirlo visti i costi esorbitanti raggiunti dalla benzina - parchi nei consumi tanto da raggiungere i 40 km con un litro per la versione da 50cc.

Come dicevamo poc'anzi, Aprilia Sportcity ONE fa della praticità il suo primo comandamento. Detto questo infatti, sembra quasi superfluo dire che le dimensioni sono ben contenute, ma comunque indicate anche a chi le ginocchia è usualmente abituato ad averle vicino alle orecchie. La pedana piatta e la distanza dello scudo anteriore,  garantiscono lo spazio vitale anche ai più altini!
Ottima quindi la posizione in sella, la versione da 50 cc non presenta certo prestazioni da Superbike - e ci mancherebbe altro -, raggiungendo con serenità i suoi generosi 49 km/h. L'utilizzo è ridotto ad un apri e chiudi tutto perenne, ma così facendo anche al semaforo può dir la sua!

Con la versione da 125 cc, la musica cambia sensibilmente grazie ad uno sprint molto più pronto ed una progressione decisa, ma mai brusca. All'interno del traffico si apprezza veramente molto Aprilia Sportcity ONE perchè garantisce un'agilità degna di una bicicletta e non occorre nemmeno pedalare!
Leggero ed agile, invita ad una guida allegra sempre pronta a cambiare rapidamente direzione per buttarsi a destra o a sinistra o frenare improvvisamente. Ok non si fa, lo sappiamo, ma alla fine bisogna testare un po' tutto per poter avere un'idea precisa del prodotto... sbagliamo? 

Si sa, Aprilia magari non è la più veloce a scendere sul mercato anzi, in taluni casi arriva un po' dopo la concorrenza, ma ogni ritardo è ampiamente giustificato dalla qualità dei suoi prodotti. Anche in questo caso infatti Aprilia Sportcity ONE entra nel segmento degli scooter low cost: un settore certo non poco affollato, ma lo fa con due prodotti di tutto rispetto non solo per quanto concerne le soluzioni e la qualità generale, ma soprattutto per l'attenzione a tutto ciò che viene dopo il mero acquisto. Ecco quindi che l'affidabilità viene garantita nel tempo da progettazioni tanto semplici quanto efficienti che vanno a sorridere anche ai consumi.

Quattro sono le colorazioni disponibili per Aprilia Sportcity ONE 50 e 125 cc : nero, argento, blu e giallo. Dal fronte dei prezzi invece, si parte dai 2.000 euro per la versione da 50 cc e si sale fino ai 2.450 per il fratellino maggiore da 125.

Autore: Matteo Sanavio

Tag: Test , scooter


Top