dalla Home

Test

pubblicato il 23 marzo 2017

Yamaha TMAX SX e DX 2017: evoluzione della specie [VIDEO]

La video-prova dell'ultima evoluzione del maxi-scooter giapponese...

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 1
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 2
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 3
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 4
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 5
  • Test Yamaha TMAX 2017 - STATICHE - anteprima 6

L’ultimo TMAX arriva sul mercato in 3 diverse versioni, il TMAX base, ovvero la porta d’accesso alla famiglia dei maxi-scooter di Iwata; il TMAX SX, che punta ad un pubblico più dinamico e sportivo; e infine il TMAX DX, versione top di gamma con equipaggiamento super premium. Questi ultimi due allestimenti, SX e DX, sono stati i protagonisti della prova di contatto condotta da Diego sulle suggestive strade del SudAfrica, intorno a Cape Town.

Cosa cambia... e cosa no

Cuore pulsante della versione 2017 è ancora il bicilindrico da 530 cc e 46 cv di potenza massima, che in questa versione guadagna l’omologazione Euro4. Completamente rivisto, invece, l’impianto di scarico, come anche iniettori e airbox, mentre per quanto riguarda la trasmissione arriva un’inedita cinghia in fibra di carbonio, più resistente, compatta e leggera. Ed è stato proprio il fattore “leggerezza” una delle linee guida seguite dagli ingegneri giapponesi nel realizzare quest’utimo TMAX, che vanta un peso inferiore rispetto al precedente modello, rispettivamente di 9 kg (versione SX) e 6 kg (versione DX, maggiormente accessoriata). Ma è soprattutto la dotazione elettronica che esordisce sulle due versioni oggetto del test, a segnare una netta differenza col passato: dalle mappe a disposizione, T-mode (Town) e S-mode (Sport), che permettono di regolare l’erogazione del motore in base alle condizioni di guida, al sistema Traction Control (denominato TCS). In più, la versione DX è equipaggiata anche con il cruise control, oltre ad avere di serie sella e manopole riscaldate, e un efficace e funzionale parabrezza elettrico (sulla SX, invece, il plexiglass è regolabile manualmente su due posizioni). Non mancano poi una pratica smart key al posto della chiave tradizionale e una modernissima strumentazione, con display TFT centrale che - oltre ad una numerosissima quantità di info, c’è anche il livello di carica della batteria - riporta le indicazioni sull’elettronica, come ad esempio la mappa D-Mode selezionata.

Sempre lo stesso… ma tutto diverso!

In sella si ritrovano subito il feeling e l’ottima sensazione di accoglienza, che da sempre contraddistinguono il TMAX... solo lo spazio per i piedi nella posizione “standard” (per intenderci, quella con le gambe piegate normalmente e non allungate) risulta appena sufficiente. Sia sulla versione SX, ma ancor più sulla DX, le finiture di ottimo livello amplificano e rendono netta la sensazione di trovarsi in sella ad un mezzo "premium" di alta gamma. Ma il meglio arriva quando si accende il motore e si parte: un cocktail di performance motoristiche e rigore ciclistico che si esprime ai massimi livelli su ogni percorso. In città, si fila via tra le auto con una manovrabilità eccellente. Ma è sulle strade tortuose che il TMAX si esalta e lascia dietro gran parte della concorrenza. La frenata si conferma decisa e modulabile, l'ideale per "apparecchiare" ingressi in curva fulminanti, perfettamente sostenuti dalla forcella, che propone la classica quadratura del cerchio tra sportività e comfort, lavorando molto bene col resto della ciclistica. Solo la resa del posteriore appare talvolta un po’ secca. Complessivamente... un gran bel divertimento! Tra i D-Mode a disposizione: Sport è quello che piace di più, con tutta la potenza a disposizione ma sempre gestibile; Town, invece, più dolce e progressivo, è sicuramente da preferire nelle giornate di pioggia… insieme al Traction Control, una bella sicurezza!

Allestimenti e prezzi

Il TMAX 2017 è disponibile presso le concessionarie Yamaha ai seguenti prezzi: 11.490 euro per la versione base, 12.290 euro per la SX e 13.390 euro per la top di gamma DX. Tanti, inoltre, gli accessori presenti in catalogo per personalizzare al meglio il proprio scooter, con un maggiore accento di sportività o comfort, in base a gusti ed esigenze.

Abbigliamento tecnico utilizzato

Casco Shark Evoline 3
Giubbotto Alpinestars Luc Air
Guanti Alpinestars corozal Drystar
Stivali Alpinestars New Land Goretex
Jeans TecniciPando Moto karl Desert

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 1
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 2
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 3
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 4
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 5
  • Test Yamaha TMAX 2017 - DINAMICHE - anteprima 6

Autore: Redazione

Tag: Test , scooter , test , prove


Top