dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 22 marzo 2017

Rottamazione delle vecchie multe: 5 cose che forse non sai

Arrivano nuove indicazioni per chi ha ricevuto cartelle esattoriali da Equitalia...

Rottamazione delle vecchie multe: 5 cose che forse non sai

Il meccanismo è semplice. Ricevete una o più multe da Codice della Strada (il classico esempio è un autovelox che vi ha beccato a correre troppo), non le pagate per un motivo o per l’altro (di proposito, per una dimenticanza, per errore), e il Comune (o un altro ente accertatore) si rivolge a Equitalia. Il riscossore di vecchi crediti. Che vi invia una cartella esattoriale pesante: multa doppia, sanzioni, aggio, interessi. Adesso, arrivano nuove indicazioni su come rottamare le cartelle esattoriali di Equitalia per le vecchie multe: è la Definizione agevolata.

1) Se rottamate le cartelle per multe da Codice della Strada, non è possibile cancellare le sanzioni, ma solo gli interessi e le maggiorazioni. Difficile quantificare in euro o in percentuale, comunque può valerne la pena, specie se l’importo è pesante (dai 500 euro in sù).

2) Sono sanabili in modo agevolato quasi tutte le violazioni. Restano escluse diverse infrazioni gravi: la guida in stato di ebbrezza (da 0,8 grammi di alcol per litro di sangue insù) o in stato alterato da droghe. Impostazione, comunque, che ci sentiamo di condividere: chi sgarra con alcol e stupefacenti mette a rischio la vita altrui (e la propria) e quindi è giusto che paghi tutto, senza sconti.

3) Occhio al periodo temporale. La Definizione agevolata prevista dal decreto legge 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge 225/2016, in vigore dal 3 dicembre, si applica alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2016.

4) Per i ruoli affidati ad Equitalia entro il 31 dicembre 2016 e che a questa data non risultano notificati, la legge 225/16 prevede che sia inviata una lettera (con posta ordinaria, entro il 28 febbraio 2017) a quei contribuenti intestatari dei suddetti ruoli. Per avere maggiori informazioni sulla vostra situazione debitoria, è possibile accedere all'area riservata (credenziali di Agenzia delle entrate, Inps, Spid e Carta nazionale dei servizi) che trovate qui; o utilizzare l'App Equiclick che trovate qui.

5) Per aderire alla definizione agevolata è necessario compilare il modulo DA1 in ogni sua parte entro il termine ultimo di adesione. Il modulo può essere compilato anche online. Al termine della compilazione sarà necessario stamparlo, firmarlo e presentare la domanda: per posta elettronica alla casella e-mail/pec della Direzione Regionale di Equitalia Servizi di riscossione di riferimento, inviando il modulo DA1, con la copia del documento di identità; o presso gli Sportelli dell’Agente della riscossione. Equitalia Servizi di riscossione vi comunicherà entro il 31 maggio 2017 l’ammontare complessivo delle somme dovute e vi invierà i bollettini di pagamento.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , multe


Top