Special e Elaborazioni

pubblicato il 22 marzo 2017

Ducati Monster 900 by Speedtractor

Una personalizzazione inedita e retrò

Ducati Monster 900 by Speedtractor
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 1
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 2
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 3
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 4
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 5
  • Ducati Monster 900 by Speedtractor - anteprima 6

I customizers di Speedtractor avevano in mente una creazione davvero speciale. Inizialmente pensavano di partire da una base piuttosto recente: un Ducati Scrambler. Poi, pensandoci bene, hanno preferito guardare un po’ indietro negli anni, finendo per prendere in considerazione un Monster 900. Il loro obiettivo era quello di realizzare una moto unica nel suo genere, che mescolasse presente e passato, “condendo” il tutto con un insolita atmosfera militare. E a giudicare da queste immagini, hanno fatto un gran lavoro.

Pochi muscoli e coda lunga

Fuori il vecchio serbatoio e le altre parti estetiche, dentro elementi in fibra di carbonio dal design inedito: linee squadrate e poco muscolose. Poche modifiche al motore, che oltre a una rivisitazione generale ha accolto un nuovo impianto elettrico dotato a sua volta di nuove luci a LED. Sella completamente nuova, piatta, più alta di quella tradizionale, e rivestita in Alcantara. Al posteriore il telaio è stato rinforzato per poter accogliere una coda completamente inedita: al contrario di tutte le ultime realizzazioni, che solitamente tendono a ridurre al minimo lo spazio riservato alla parte posteriore della moto, in questo caso c’è una coda lunga e affusolata, disegnata sulla stessa linea della sella.

Livrea "militare"

Nuovo il manubrio, non troppo alto, che consente al guidatore di assumere una posizione di guida sportiva. Spiccano le ruote a raggi, che donano alla moto anche un’anima scrambler. Si fanno notare i grossi freni Brembo a quattro pistoncini, mentre la ciclistica si avvale di una forcella Showa (di una Ducati 900SS) da 41mm davanti e di un mono Ohlins Shock dietro. La strumentazione è decisamente retrò, sembra quasi d’epoca, e fa da contraltare agli indicatori di direzione a LED dall’aspetto minimal. I parafanghi sono in fibra di carbonio e tutto è condito con una inedita colorazione verde militare/bianco, con strisce di grigio scuro. Insomma, una customizzazione fuori dagli schemi e dal grande fascino. (credits: bikeexif)

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top